Vestirsi da #ladyrunner: glam, comoda e asciutta

Correre in estate è una delle cose che mi piace di più. Ma fa caldo e si suda. E allora via libera ai tessuti tecnici ma, sotto, solo cotone.

 

Le giornate sono lunghe, la luce dà una grande sensazione di libertà e la voglia di essere in forma perfetta per la prova bikini mi sprona a mettere le mie scarpette con ancora più convinzione del solito.

 

C’è un unico ma. Il caldo. Non c’è modo di aggirarlo. E’ estate, e lui c’è.

 

Mi chiederai: “Come fai ad avere voglia di correre con queste temperature quando l’unica cosa che io desidero è togliermi quanti più vestiti di dosso e buttarmi sotto la doccia?”

 

Beh uno dei miei “segreti” è indossare l’abbigliamento giusto. Così da stare fresca anche mentre mi alleno. Ci hai mai pensato? Quello che indossi è importantissimo perché il tuo allenamento renda al meglio. Per questo devi scegliere magliette, canotte e pantaloncini che ti facciano star bene.

 

Io mi affido ai tessuti tecnici per correre, meglio se anche traforati. I cosiddetti dry-fit che sono traspiranti e permettono al sudore di evaporare e non restare attaccato alla pelle durante l’attività sportiva. Ce n’è per tutti i gusti… Io in particolare scelgo i colori vivaci. La corsa per me è gioia e divertimento e mi piace sottolineare questo stato d’animo anche con i colori fluo di canotte giallo, fucsia, arancio che rispecchiano la luce estiva.

 

C’è però un accorgimento che ti consiglio di seguire per evitare spiacevoli inconvenienti femminili. Sotto ai capi tecnici, conviene indossare biancheria intima di cotone: un tessuto super naturale che non irrita con lo sfregamento le parti delicate del tuo corpo.

 

Infezioni come la candida sono causate da funghi che proliferano in ambienti caldo-umidi e laggiù, beh lo sai anche tu, durante l’allenamento si crea l’ambiente che questi microrganismi preferiscono. Ci sguazzano, nel vero senso della parola! Ed è vero che il cotone si inzuppa di sudore, ma è anche vero che espelle calore, lasciando la zona “più fresca” e prevenendo quindi la moltiplicazione dei germi. Immaginati che disastro se indossassi, a contatto con le tue mucose intime, delle mutandine sintetiche… Non voglio nemmeno pensarci! Soprattutto quando hai le mestruazioni, sia che tu vada a correre sia che tu stia a casa a poltrire sul divano (cosa che ti sconsiglio), il cotone è un’arma di difesa contro funghi, batteri e… Cattivo odore!

 

Via libera poi al cotone anche dopo la corsa. Quando hai finito l’allenamento, dopo la doccia, il tuo corpo ha bisogno di restare fresco e di espellere, appunto, il calore in eccesso accumulato durante l’attività sportiva. Soprattutto adesso che la temperatura esterna è molto alta. Indossando capi in cotone dai modo al tuo fisico di ritrovare il suo equilibrio in modo naturale.

 

Stai attenta soltanto ai colpi di freddo, quei leggeri brividini che vengono qualche decina di minuti dopo la fine della corsa anche se fuori ci sono 30 gradi. Nel caso, indossa due paia di t-shirt, una sopra l’altra: oltre che darti la temperatura corporea giusta, se abbinate nel modo giusto (magari una t-shirt bianca con sopra una canotta chic) sono anche di gran moda.

 

Raccontami anche tu come ti vesti e qual è la tua esperienza di allenamento in questo periodo dell’anno!

 

RUBRICA A CURA DI RAFFAELLA CAGNAZZO



Giornalista e blogger. Appassionata runner e apprendista fotografa; instancabile viaggiatrice; velista entusiasta.
MyBlackSunglasses.com - Instagram

 

 

Le 6 lady

Esigente fa rima con… assorbente!

Mag 23, 2016 / Violet

Quando si parla di mestruazioni e assorbenti, hai tutto il diritto di proteggere la tua salute intima e di coccolarti soprattutto nei giorni di maggior disagio. ...

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

  • Iscriviti al programma!

Seguimi sui social!

 

Lo sapevi che…?

Tatuaggi ok, ma fai attenzione al rosso

Fai parte anche tu degli oltre 100 milioni di europei che hanno dei tatuaggi? Sappi che potresti correre qualche rischio, soprattutto a causa degli inchiostri utilizzati, sui quali non sempre si effettua un controllo di qualità. Gli inchiostri potrebbero essere contaminati con batteri come stafilococco, streptococco, pseudomonas ed enterococco che possono portare ad infezioni anche gravi. La soluzione? Abbastanza impraticabile: prima di tatuarsi, far sottoporre gli inchiostri a controlli microbici e verifiche sugli ingredienti. Tra le reazioni avverse considerate di minore entità ci sono fotosensibilità, prurito, gonfiore e reazioni allergiche al pigmento. La nuance più a rischio? Il rosso.

Cistiset Advance