Ti senti sempre stanca? Forse ti manca il ferro!

Se hai mestruazioni molto abbondanti, e ti senti sempre stanca, forse i tuoi livelli di ferro sono bassi: ecco cosa mangiare per combattere la carenza di ferro.

 

WhiteSuccede soprattutto quando si è molto giovani, come Alice: mestruazioni molto abbondanti, ogni mese, con perdite di tipo emorragico, e livelli di ferro troppo bassi. E il primo sintomo è una stanchezza tremenda. Capita anche a te? Non ti devi preoccupare, perché nella maggior parte dei casi basta modificare un po’ la dieta per sentirti subito meglio.

 

Perché il ferro è così importante per la tua salute, e come fai ad accorgerti di non averne a sufficienza? Per rispondere alla prima domanda, considera che il ferro è un oligoelemento, nello specifico di tipo minerale, che si trova in molti cibi, e di cui il tuo organismo ha bisogno per sintetizzare l’emoglobina, la principale proteina dei globuli rossi. Affinché non si generi un deficit, è necessario che esista un buon equilibrio tra le quote di ferro che l’organismo perde e quelle che recupera proprio attraverso la nutrizione. Come puoi facilmente intuire, perdi ferro quando perdi sangue, soprattutto se hai mestruazioni troppo abbondanti, proprio per la ragione che questo minerale è presente soprattutto nei tuoi globuli rossi. Cosa succede, allora, nel tuo corpo? Che si indebolisce, perché meno ferro equivale a meno emoglobina, meno globuli rossi, minore ossigenazione delle varie aree del corpo.

 

Ecco perché è importante che ascolti i segnali che il tuo organismo ti manda, perché solo attraverso l’osservazione dei sintomi è possibile risalire al tuo problema di carenza di ferro. Come ti abbiamo anticipato, però, non si tratta di una situazione grave! Al contrario, prima te ne accorgi, prima puoi risolvere il problema e ritrovare le tue forze e la tua salute smagliante.

 

 

Vediamo come puoi renderti conto di avere un po’ di carenza di ferro. I sintomi più comuni nelle ragazze giovani come te sono:

 

  • Senso di debolezza, astenia, stanchezza
  • Sonno disturbato durante la notte ma sonnolenza durante le ore diurne (ad esempio quando sei a scuola)
  • Unghie e capelli fragili, che si spezzano o crescono con lentezza
  • Pelle pallida, sclere degli occhi e gengive ugualmente “bianchicce”
  • Scarsa resistenza e intolleranza al freddo
  • Inappetenza
  • Tachicardia, polso “veloce” dopo il minimo sforzo fisico (ad esempio quando fai ginnastica potresti sentire il cuore che batte all’impazzata)
  • Difficoltà di concentrazione e poca memoria
  • Nervosismo (ti irriti per un nonnulla)
  • Formicolii agli arti
  • Capogiri al mattino quando ti alzi o quando cambi bruscamente posizione
  • Pressione bassa
  • Epistassi (perdita di sangue dal naso)
  • Vulnerabilità alle malattie infettive (ti ammali spesso di raffreddore, influenza, ma anche cistite, micosi delle unghie e disturbi ginecologici o dermatologici, afte della bocca e gengiviti)

 

Se le tue mestruazioni sono sempre molto abbondanti rispetto a quelle delle tue amiche, e se ti ritrovi nella sintomatologia che abbiamo descritto (non è necessario che avverti tutti i disturbi, ma per lo meno la metà), parla dei tuoi sospetti con i tuoi genitori e soprattutto con il tuo medico di famiglia. Sarà necessario avere una conferma attraverso semplici esami del sangue, come il controllo della sideremia, dell’emoglobina, della ferritina.

 

Per risolvere il problema, la prima terapia è di tipo alimentare. Ecco una bella lista degli alimenti da cui puoi ricavare tanto ferro e che dovresti cercare di inserire subito nella tua dieta:

 

  • Carne bianca e rossa
  • Fegato e frattaglie
  • Uova
  • Pesce di tutti i tipi e in particolare frutti di mare, crostacei e molluschi come vongole, cozze, ostriche, seppie e calamari, aragoste
  • Legumi secchi (fagioli, lenticchie, ceci, fave, piselli ecc.)
  • Quinoa
  • Soia
  • Frutta secca come prugne, datteri, fichi secchi
  • Frutta secca in guscio tra cui noci, pistacchi, arachidi, mandorle, anacardi, noci pecan
  • Cioccolato fondente

 

E i famosi spinaci di Braccio di Ferro? Ebbene, quello è un po’ un “mito”, ma la buona notizia è che sono tanti e diversi i vegetali ricchi di ferro, come i fagiolini, i broccoli e il cavolo cappuccio, ma per assimilarne il contenuto li devi consumare con la vitamina C. Non è difficile: se li mangi in insalata puoi condirla con del succo di limone, o puoi aggiungere dei peperoni o dei pomodori che ne sono ricchi.

 

E’ importante che ti prenda cura della tua salute, e se questo significa dover modificare un pochino la tua alimentazione e sottoporti a qualche esame ogni tanto non scocciarti, ne varrà la pena!

 

UN CONSIGLIO DA AMICA

Amica

VUOI SAPER COSA MI HA DETTO LA MIA GINECOLOGA? CHE IL MODO MIGLIORE PER ASSUMERE FERRO È ADOTTARE UNA DIETA VARIA, RICCA DI ALIMENTI DI ORIGINE VEGETALE E DI LEGUMI, PIÙ CHE DI PROTEINE DI ORIGINE ANIMALE. QUALORA, PERÒ, L’ALIMENTAZIONE NON DOVESSE BASTARE, SI POSSONO ASSUMERE INTEGRATORI PER I CICLI MESTRUALI ABBONDANTI. HANNO PERO’ QUALCHE EFFETTO COLLATERALE: SI TRATTA SOPRATTUTTO DI STITICHEZZA, DIARREA E DIFFICOLTÀ DIGESTIVE. LA DOTTORESSA MI HA FATTO UNA PRECISAZIONE IMPORTANTE: LA MESTRUAZIONE È UN EVENTO FISIOLOGICO E DI PER SÉ NON COMPORTA UN’ANEMIA, SEMPLICEMENTE AUMENTA IL FABBISOGNO DI FERRO NELLE DONNE RISPETTO AGLI UOMINI.

Le 6 lady

Felice, anche con qualche kg in più

Set 27, 2016 / White

Sono cicciottella, ma mentre prima ero anche infelice, adesso le cose vanno molto meglio. Merito di chi mi sta aiutando a ritrovare la vera me.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

pH vaginale? Meglio acido

Il pH misura il grado di acidità (da 0 a 7) o di basicità (da 7 a 14) dei liquidi biologici e dei tessuti. In età fertile il pH vaginale è acido, cioè compreso tra 4,5 e 5. Gli ormoni estrogeni stimolano infatti la produzione di glicogeno, uno zucchero che viene trasformato dalla flora batterica in acido lattico, sostanza che mantiene stabile il pH. L'acidità è importantissima per il benessere dell'ecosistema vaginale: in queste condizioni, infatti, i germi patogeni non riescono a moltiplicarsi, con minore probabilità di sviluppare infezioni intime. Può bastare un prodotto sbagliato per alzare l'acidità delle mucose genitali, indebolire i lattobacilli e spianare la strada ai germi patogeni.

Cistiset Advance