Stai male? Correre ti aiuta a liberare il fisico e la mente

Via i fastidi, via il dolore: sai qual è la cosa migliore da fare quando ti senti a terra, gonfia, con tanto mal di pancia? Uscire a correre.

 

Cara #ladyrunner, in un precedente post ti avevo già parlato dei benefici di andare a correre in “quei giorni”, cioè quando hai le mestruazioni. Oggi vorrei portare nuovamente la tua attenzione su questo argomento, perché è inevitabile, siamo donne, e quel periodo del mese ci condiziona regolarmente e scandisce la nostra vita, ciclo dopo ciclo.

 

Per me, come per molte altre donne, mestruazioni significano mal di pancia e gonfiore. Nei giorni del ciclo mi sento un pallone, senza stimoli, sono più stanca del solito, irritabile e soprattutto i dolorini di pancia non mi danno tregua. E allora sai cosa faccio? Lo hai già capito: vado a correre! L’idea di uscire a fare running non solo non mi pesa, ma mi fa ritrovare il sorriso. La corsa mi ha proprio aiutata a cambiare mentalità, mi ha resa più resistente sotto tutti i punti di vista e mi ha insegnato a vivere la vita con più energia!

 

Prima di spiegarti il perché, faccio una premessa: alcune ragazze potrebbero essere tentate dall’evitare di correre pensando di aggravare “la situazione”, ovvero che il flusso o i dolori possano aumentare e che le condizioni del fisico possano peggiorare subito dopo l’allenamento. Per quella che è la mia esperienza, posso assicurarti che non è così. Ma ti ripeto, è la mia esperienza: quello che ho provato correndo più e più volte durante il ciclo e facendo test su me stessa. Ti sto parlando da appassionata di running, non da agonista o da professionista. Se invece hai da affrontare carichi di allenamento particolarmente impegnativi, posso solo consigliarti di chiedere al tuo medico.

 

Comunque, per quanto mi riguarda, ho scoperto che correre, durante il ciclo o nei giorni subito precedenti, mi rende meno nervosa e mi aiuta a sgonfiarmi. Quando corro sviluppo le endorfine, che agiscono sul mio umore e mi rendono quindi più socievole e meno irritabile: l’effetto delle endorfine funziona anche in quei giorni, quando sembra che tutto il mondo attorno a me sia nero. Non solo. Se ti ricordi, ti avevo già spiegato che le endorfine agiscono da antidolorifico naturale: ebbene, nel mio caso mi aiutano davvero a combattere i crampi e il malessere generale che mi prende prima e durante il ciclo.

 

Quindi, se vuoi un consiglio, quando non ti senti in gran forma, e sempre che non ci siano motivazioni mediche, irregolarità o un flusso troppo abbondante ad impedirtelo, via libera alla corsa. Meglio al mattino, per avere benefici per tutta la giornata. Senza eccessi però. Evita di programmare i cosiddetti lunghi: almeno nei giorni del ciclo, concentrati sullo stare bene e riduci un po’ l’allenamento. I carichi pesanti (quelli sì!) potrebbero incidere sullo stato fisico in modo negativo andando ad aggravare il tuo fisico già sotto stress.

 

Evita anche, come buona regola valida soprattutto per l’estate, di correre nelle ore più calde della giornata. Molto importante, ricordati di integrare i liquidi persi. E’ facile che in questi giorni tu ti senta un po’ più a terra del solito al termine della corsa perché, durante il ciclo, la perdita di sangue ti rende meno reattiva. Allora bevi tanto, ancora più del solito: acqua soprattutto, ma anche the verde non zuccherato o bevande ricche di sali minerali come il magnesio.

 

RUBRICA A CURA DI RAFFAELLA CAGNAZZO



Giornalista e blogger. Appassionata runner e apprendista fotografa; instancabile viaggiatrice; velista entusiasta.
MyBlackSunglasses.com - Instagram

 

 

Le 6 lady

Mestruazioni: se ci siete battete un colpo!

Lug 01, 2016 / Blue

Non mi era mai capitato, neppure da ragazzina. Non che abbia sempre avuto il ciclo super regolare, anzi, ma un salto di 5 mesi… Questo non mi era mai successo!

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

  • Iscriviti al programma!

Seguimi sui social!

 

Lo sapevi che…?

Un motivo in più per smettere di fumare? Respirare

Hai una tosse fastidiosa, che non passa? Se sei una fumatrice, probabilmente per te tosse, catarro e mancanza di respiro sono sintomi apparentemente normali. Attenzione però, perché possono essere i campanelli d'allarme di una grave malattia respiratoria nota come BPCO, ovvero Broncopneumopatia cronica ostruttiva. Si tratta di una patologia invalidante molto diffusa ma spesso riconosciuta troppo tardi, anche 4 anni dopo la sua insorgenza. La BPCO colpisce solitamente intorno ai 40 anni e nella gran parte dei casi è causata dal fumo. Buttare le sigarette è il modo più efficace per ridurre il rischio di BPCO e la progressione della malattia, migliorando la qualità della vita e del respiro. 

Cistiset Advance