Spermatozoi e ovocita: ecco quanto vivono

Mentre uno spermatozoo può sopravvivere fino a 5 giorni, un ovocita vive per 24 ore dall’ovulazione. Ecco perché non è così semplice il concepimento.

 

La GinecologaGli spermatozoi sono le cellule germinali maschili e vengono prodotti in grande quantità (addirittura milioni!) in maniera continuativa dal testicolo, senza alcuna ciclicità. La loro sopravvivenza nella vagina della donna non supera le 10 ore; al contrario, la loro sopravvivenza nella cervice uterina è possibile fino a 5 giorni.


Dopo un rapporto sessuale, gli spermatozoi, eiaculati in vagina, risalgono nel canale cervicale, che è quello che mette in contatto la vagina con l'utero, da qui nell'utero per finire nelle tube. Dopo un rapporto sessuale la donna avrà dunque spermatozoi vitali e fecondanti al suo interno per circa 4-5 giorni. 

 

Se in una delle tube è avvenuta l'ovulazione, qui gli spermatozoi incontreranno l'ovocita, ovvero la cellula germinale femminile.

 

Gli ovociti risiedono all’interno dell'ovaio fin dalla nascita, o meglio, fin dalla vita intrauterina, e ogni mese solo uno di loro riesce ad arrivare a maturazione e ad essere espulso dal follicolo. Quanto vive un ovocita? Dopo l'ovulazione l'ovocita è attivo e può essere fecondato per le successive 24 ore.

 

Le 6 lady

Perdite urinarie in menopausa? Affrontale con le ali!

Mag 12, 2016 / Silver

L’incontinenza urinaria può verificarsi o accentuarsi durante la menopausa. Ma non temere: per ogni problema c’è una soluzione.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Un motivo in più per smettere di fumare? Respirare

Hai una tosse fastidiosa, che non passa? Se sei una fumatrice, probabilmente per te tosse, catarro e mancanza di respiro sono sintomi apparentemente normali. Attenzione però, perché possono essere i campanelli d'allarme di una grave malattia respiratoria nota come BPCO, ovvero Broncopneumopatia cronica ostruttiva. Si tratta di una patologia invalidante molto diffusa ma spesso riconosciuta troppo tardi, anche 4 anni dopo la sua insorgenza. La BPCO colpisce solitamente intorno ai 40 anni e nella gran parte dei casi è causata dal fumo. Buttare le sigarette è il modo più efficace per ridurre il rischio di BPCO e la progressione della malattia, migliorando la qualità della vita e del respiro. 

Cistiset Advance