Quelle strane perdite e la mia prima volta dalla ginecologa

Ieri sono andata per la prima volta da una ginecologa, per via di strane perdite bianche. Alla fine è stato molto meno traumatico di come me l’ero figurato!

 

White Lady

La mia prima volta dalla ginecologa? E’ stata proprio ieri. Ero imbarazzatissima alla sola idea di dover andare a farmi visitare proprio lì, senza mutandine. Sentendo i racconti delle mie amiche che c’erano già state, poi, mi passava del tutto la voglia… Mi terrorizzava soprattutto il fatto di dovermi mettere in quella posizione, con le gambe sollevate. Poi, chissà perché, mi immaginavo sempre un uomo, magari un po’ vecchio e con la barba brizzolata… BRRRR!

 

Invece è stato tutto molto più semplice e naturale perché mi sono fatta visitare dalla ginecologa di mia mamma, una dottoressa giovane che mi ha messo subito a mio agio.

 

In realtà sono andata da lei per una ragione precisa: mi ero accorta che avevo delle strane perdite, bianche e un po’ appiccicose, e mi sono un po’ spaventata.

 

lettino ginecologo

Avrei voluto far finta di nulla e invece non facevo altro che pensarci e alla fine ne ho parlato con mia mamma. Erano perdite stranissime, un po’ filamentose, molto abbondanti, e inoltre in contemporanea sentivo dei dolori al fianco, più o meno dove sono le ovaie (credo). Delle fitte che mi hanno preoccupato. Infatti mia cugina, che ha due anni più di me, il mese scorso era finita in ospedale per colpa di una cisti ovarica e se n’era accorta proprio per dei dolori simili ai miei, forse giusto un po’ più forti. Ero in ansia, perché non volevo finire anch’io all’ospedale, quindi quando ne ho parlato con mia mamma lei ha subito preso appuntamento dalla ginecologa senza consultarmi. Io l’ho scoperto solo a cose fatte, ovvero un’ora prima della visita! Io super agitata. PANICO!!! Una volta lì, però, mi sono sentita tranquilla.

 

Intanto la dottoressa ha fatto uscire la mamma dallo studio, e così ho puto parlare senza sentirmi in soggezione, liberamente. Mi ha chiesto di descriverle le perdite che avevo avuto e quando l’ho fatto mi ha subito rassicurata:

 

La Ginecologa

Alice va tutto benissimo. Quelle perdite che hai avuto sono tipiche della fase di ovulazione, quando le tue ovaie sono pronte a secernere l’ovulo maturo e tu, se avessi un rapporto sessuale non protetto, potresti più facilmente restare incinta. Quelle perdite sono muco cervicale che serve a rendere la tua vagina più accogliente per gli spermatozoi.

 

Non ci avrei mai pensato! Mi è persino venuto da ridere, ma poi le ho chiesto del dolore al fianco.

 

La Ginecologa

Anche questo è normale. Qualche volta quando il follicolo ovarico secerne l’ovulo maturo fa un pochino male ma non è nulla di che.

 

Poi mi ha visitato, ma non come pensavo. Insomma, siccome sono vergine mi ha detto che ancora non c‘era nessun bisogno di fare un controllo della mia vagina, visto che non avevo problemi. Però mi ha fatto un’ecografia delle ovaie per vedere se tutto era a posto e… NON HO CISTI!!!

 dolore al fianco

 

Sono tornata a casa piena di opuscoli sul funzionamento del ciclo mestruale e sulla contraccezione. Con la dottoressa abbiamo anche parlato di assorbenti, di come sceglierli in base al mio tipo di pelle e alle mie esigenze, di come utilizzarli, soprattutto di come indossare il tampone interno visto che sono vergine, e mi ha anche detto che quando sarò pronta per fare l’amore con il mio ragazzo potrò andare da lei e chiederle tutto quello che voglio, senza tabù. Beh, per il momento mi sembra una cosa lontanissima, però è bello poter contare su qualcuno che ti spieghi bene le cose, soprattutto le più imbarazzanti!

Le 6 lady

Due settimane di stress e ansia. Risultato: stitichezza

Giu 09, 2016 / Pink

E’ proprio vero quando dicono che l’intestino è il nostro secondo cervello: se hai la testa troppo piena, si ottura anche lui!

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Macchie della pelle? Meglio non sottovalutarle

Sottoporsi a una visita dermatologica per far controllare nei e macchie sulla pelle è importante: una macchia, infatti, non sempre è solo un problema estetico. Si può trattare di una cheratosi: sono macchie scure benigne, ma che vanno tenute sotto controllo dal momento che con il tempo possono evolvere in tumore. Stesso discorso per i nei: per lo più si tratta di lesioni benigne che non devono preoccupare, ma in alcuni casi, sebbene rari, sono correlate ad un pericolo maggiore di incappare in un melanoma, il più noto dei tumori della pelle. Tra le principali caratteristiche di allarme, i nei “brutti” misurano 5-12 mm, hanno margini irregolari e mal definiti e si modificano nel tempo.

Cistiset Advance