• 14 Marzo 2016

Quel fastidioso prurito intimo

Il prurito intimo può avere cause diverse e soprattutto se hai la pelle sensibile, delicata e facile alle irritazioni dovresti stare molto attenta all’igiene e agli indumenti che usi.

 

Blue

Se esiste una sensazione davvero sgradevole e imbarazzante è quel desiderio impellente di… grattarsi nelle zone intime. Un prurito tanto insistente quanto irresistibile, che ha come conseguenza quella di aumentare il disagio. Quando le delicate mucose della vulva e della vagina si irritano, una delle conseguenze è proprio determinata dal prurito, che non dovresti assecondare dal momento che grattarti non fa altro che aumentare il gonfiore e l’arrossamento.

Quando hai le mestruazioni questo problema può diventare ancora più evidente perché l’uso degli assorbenti igienici, soprattutto se realizzati in materiali poco o affatto traspiranti, contribuisce ad irritare ulteriormente la cute e le mucose intime.

  

Ma perché ti trovi a soffrire di questo problema, e come risolverlo una volta per tutte? Iniziamo dal primo quesito: le cause del prurito intimo. Possono esser diverse, ecco le più comuni:

  • L’età. Quando la menopausa si avvicina, le mucose vaginali tendono a seccarsi a causa della diminuzione degli ormoni
  • Lavaggi troppo frequenti e aggressivi. Usare salviettine intime o detergenti da poco prezzo può impoverire la pelle delle parti intime del naturale film lipidico di protezione che mantiene le pareti vaginali sempre umide e lubrificate. Inoltre molti prodotti non ipoallergici possono creare irritazioni e prurito
  • Infezioni intime tra cui le micosi (come la Candidosi, che ha tra i suoi sintomi anche abbondanti perdite di color bianco-giallastro e consistenza simile alle ricotta) e le vaginosi batteriche (tra cui la Gardnerella vaginalis in cui, oltre al prurito, si hanno perdite maleodoranti dal tipico odore di pesce marcio)
  • Recenti e prolungate cure antibiotiche. L’uso di questi medicinali produce un’alterazione della microflora vaginale e pertanto può portare a infezioni e fastidi
  • Vestibolite vulvare. E’ l’infiammazione della parte più esterna dell’orifizio vaginale (vestibolo), il cui sintomo principale, oltre al prurito e all’arrossamento della cute, è il dolore durante i rapporti sessuali
  • Cistite o uretrite. Sono entrambe infiammazioni delle vie urinarie (la prima delle vescica, la seconda dell’uretra, il piccolo tubicino che convoglia l’urina verso l’esterno), a cui le donne sono particolarmente vulnerabili. Provocate da funghi, virus o batteri, tendono a recidivare
  • Allergie a materiali plastici (come quelli di alcuni assorbenti) o a tessuti sintetici (tipicamente il nylon di molti slip)
  • Depilazione. Purtroppo la depilazione delle zone intime può costituire un grosso problema, perché la ricrescita dei peli può creare infiammazione dei bulbi e conseguenti dermatiti con prurito
  • Presenza di piercing in zone intime come le grandi labbra della vagina 

Come si può facilmente intuire, a seconda delle cause del prurito, saranno diverse anche le soluzioni per risolverlo, che solo il tuo ginecologo potrà indicarti.

Un consiglio per te e per chi ha una cute sensibile, delicata, facile alle irritazioni e alle allergie, come Simona, è quello di prestare attenzione all’igiene intima. Talvolta, infatti, basta avere l’accortezza di adoperare per la pulizia quotidiana esclusivamente detergenti delicatissimi, senza profumo, che rispettino il pH acido delle mucose vaginali, che non prosciughino il film lipidico naturale e non producano irritazioni. La detersione devi effettuarla sempre nel verso che va dalla vagina all’ano, e mai viceversa, altrimenti rischi di portare germi fecali in prossimità dell’orifizio vaginale. E la salvietta per asciugarti ricordati di cambiarla quanto più spesso possibile.

 

Durante le mestruazioni è infine importante che utilizzi assorbenti in materiale naturale e traspirante, come il cotone, che garantisce asciutto e freschezza a prova di irritazione

 

IL CONSIGLIO DELLA GINECOLOGA

La Ginecologa

TEORICAMENTE UNA VAGINA SANA SI MANTIENE PULITA DA SOLA, NON HA BISOGNO DI PARTICOLARI LAVAGGI, MEN CHE MENO INTERNI. BISOGNA PERÒ ELIMINARE IL SUDORE E L’ECCESSO DI FLUIDI CHE POSSONO CONTRIBUIRE A FACILITARE UNA PROLIFERAZIONE BATTERICA. ECCO, DUNQUE, L’IMPORTANZA DI UN’IGIENE INTIMA CORRETTA, NEI TEMPI E NEI MODI, CON PRODOTTI DI QUALITÀ E RISPETTOSI DELLA TUA PELLE, SOPRATTUTTO SE ALLERGICA. UN CONSIGLIO IN PIÙ? OCCHIO ALLA FLORA BATTERICA INTESTINALE. SE NON IN EQUILIBRIO, PUÒ DETERMINARE UN’ALTERAZIONE DELL’AMBIENTE VAGINALE, FACILITANDO LE INFEZIONI FUNGINE, PERTANTO UNA BUONA STRATEGIA PREVENTIVA PER IL TUO PRURITO INTIMO PUÒ ESSERE QUELLA DI ASSUMERE DEI PROBIOTICI.

Le 6 lady

Quel fastidioso prurito intimo

Mar 14, 2016 / Blue

Il prurito intimo può avere cause diverse e soprattutto se hai la pelle sensibile, delicata e facile alle irritazioni dovresti stare molto attenta all’igiene e agli indum...

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

mese del benessere intimo

 

Lo sapevi che…?

Tatuaggi ok, ma fai attenzione al rosso

Fai parte anche tu degli oltre 100 milioni di europei che hanno dei tatuaggi? Sappi che potresti correre qualche rischio, soprattutto a causa degli inchiostri utilizzati, sui quali non sempre si effettua un controllo di qualità. Gli inchiostri potrebbero essere contaminati con batteri come stafilococco, streptococco, pseudomonas ed enterococco che possono portare ad infezioni anche gravi. La soluzione? Abbastanza impraticabile: prima di tatuarsi, far sottoporre gli inchiostri a controlli microbici e verifiche sugli ingredienti. Tra le reazioni avverse considerate di minore entità ci sono fotosensibilità, prurito, gonfiore e reazioni allergiche al pigmento. La nuance più a rischio? Il rosso.

Cistiset Advance
Ti piacerebbe ricevere
un consulto gratuito
per un PROBLEMA INTIMO?