Puntura al progesterone: cosa fare se il ciclo non arriva

Quando, nonostante la terapia con progesterone, il ciclo non arriva, il problema potrebbe essere a livello dell’ovaio, dell’ipofisi o dell’ipotalamo.

 

La GinecologaLa regolarità del ciclo mestruale è un fatto importante, non solo ai fini della riproduzione ma anche per il benessere della donna, perché protegge dalle malattie cardiovascolari e dall'osteoporosi. Il numero minimo di cicli mestruali necessario per produrre una minima quota di estrogeni indispensabili per mantenere la densità ossea è di 4-5 all'anno.


Quando il ciclo non arriva (amenorrea), la causa va ricercata, oltre che in un’eventuale gravidanza o in un ipotiroidismo, in un problema a livello di:

 

  • Ovaio
  • Ipofisi
  • Ipotalamo

 

Se dopo 3-7 giorni dalla fine della terapia con progesterone si ottiene una mestruazione, allora si può stabilire la causa della amenorrea nella anovulazione: in pratica, l'ovaio non riesce ad ovulare e, di conseguenza, a produrre il corpo luteo. Senza corpo luteo non c'è progesterone, e quindi l'endometrio non può completare il suo processo maturativo fino alla mestruazione.

 

Se, invece, dopo la fine della terapia con progesterone non si ottiene una mestruazione, allora è possibile pensare che l'ovaio non lavori affatto. Per verificarlo è necessario dosare nel sangue i livelli di FSH, LH e di prolattina.

 

Se i livelli di FSH e LH sono normali o bassi potrebbe trattarsi di una insufficienza ipotalamo-ipofisaria: l'ovaio è normofunzionante ma riceve un comando troppo scarso o qualitativamente alterato dalle gonadotropine prodotte dall'ipofisi per poter lavorare. In questo caso è possibile indagare radiologicamente l'ipofisi per verificarne eventuali alterazioni.

 

Nella maggior parte dei casi, la causa della ridotta attività dell’ipofisi è un blocco da parte dell'ipotalamo del rilascio del GnRH, l'ormone che ordina il rilascio di FSH e LH da parte dell'ipofisi. I principali responsabili di questa situazione sono la perdita di peso, l'anoressia, lo stress fisico-lavorativo-emotivo e la mancanza di un normale ritmo sonno-veglia. Una volta individuato il problema sarà poi possibile instaurare la terapia più opportuna.

Le 6 lady

Le mestruazioni sono una faccenda delicata

Mag 12, 2016 / Blue

Si fa presto a dire che un assorbente vale l’altro… Non per tutte è così, anzi!

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Macchie della pelle? Meglio non sottovalutarle

Sottoporsi a una visita dermatologica per far controllare nei e macchie sulla pelle è importante: una macchia, infatti, non sempre è solo un problema estetico. Si può trattare di una cheratosi: sono macchie scure benigne, ma che vanno tenute sotto controllo dal momento che con il tempo possono evolvere in tumore. Stesso discorso per i nei: per lo più si tratta di lesioni benigne che non devono preoccupare, ma in alcuni casi, sebbene rari, sono correlate ad un pericolo maggiore di incappare in un melanoma, il più noto dei tumori della pelle. Tra le principali caratteristiche di allarme, i nei “brutti” misurano 5-12 mm, hanno margini irregolari e mal definiti e si modificano nel tempo.

Cistiset Advance