Ogni stagione è bella per correre all’aria aperta

Percorsi nella natura: alla scoperta delle sensazioni che ti dà correre in un parco, in spiaggia, in montagna, con la neve, con il freddo.

 

Quando inizia a fare freddo, il freddo quello vero, in effetti potrebbe venirti la tentazione di mollare la corsa e andare in letargo… Ma io invece ti dico che non è il caso di smettere di correre perché questo è il momento migliore per allenarti e farti trovare pronta per la prossima primavera quando ricomincerà la "stagione" delle corse e potrai mostrare i tuoi tanti miglioramenti.

 

Ricordati sempre che correre all'aria aperta è uno dei modi migliori per ossigenare i polmoni e la pelle, rendendola più fresca e luminosa. È come se la tua pelle immagazzinasse la luce e poi la rilasciasse pian piano: ecco uno dei primi benefici del correre all'aperto, in un parco, al mare o in campagna.

 

L'altro aspetto è psicologico: in tutto ciò che è naturale, il tuo corpo si trova bene per natura, lo dice la parola stessa. Gli viene facile e si adatta traendo il meglio che c'è. Proprio per questo, come sai, ti consiglio di correre senza musica, così da catturare ogni minimo suono che la natura sa regalarti e riscoprire delle sensazioni molto piacevoli. E questa è anche una delle ragioni per cui indossare indumenti naturali, in fibra di cotone, è il modo migliore per mettere a suo agio il tuo corpo alla fine di un allenamento.

 

Correre con il freddo è uno dei principali ostacoli (forse insieme al correre la sera, quando è buio) che devi superare per dirti una vera runner: anche in inverno è bellissimo indossare le scarpette e scoprire le sensazioni diverse che il tuo corpo comunica. Devi imparare come vestirti: non troppo, con capi tecnici, e devi ricordarti di proteggere le parti scoperte del tuo fisico. Io di solito metto una crema idratante sul viso e indosso un paio di guanti in microfibra. Inoltre, prima di uscire lascio pronti a casa abiti in cotone per quando mi rilasserò dopo la doccia.

 

Il freddo e l’inverno ti portano subito all’associazione veloce: la neve. Bene. Sulla neve è faticoso correre, ma la soddisfazione di riuscire a coprire anche solo 5 chilometri affondando nella neve fresca e respirare aria che ti sembra più pulita del solito (e che lo è davvero se corri in montagna!), ti assicuro che è una soddisfazione. E fa bene. Non solo per quel che riguarda il rilascio delle endorfine e la voglia di spaccare il mondo che ti rimane alla fine dell’allenamento, ma anche perché correre al freddo sviluppa i tuoi anticorpi.

 

Da quando ho fatto della corsa un’abitudine quasi quotidiana, anche nei mesi invernali, praticamente non ho più preso un raffreddore. E’ la mia esperienza, non è il caso di generalizzare: potrebbe non essere così per te, ma è riconosciuto che una qualsiasi attività fisica rafforza il sistema immunitario e aiuta l’organismo a lavorare meglio e restare più sano.

 

E poi, facendo fatica durante l'inverno, puoi sempre pensare a come sarà bello mostrare il tuo fisico allenato e tonico in spiaggia quando, la prossima estate, potrai correre sul bagnasciuga. Qui i benefici sono evidenti: lo sguardo può vagare lontano, il rumore delle onde che si infrangono e il profumo di iodio danno quell'idea di libertà e di natura che in nessun altro luogo riesci ad avere.

 

Ti lascio però un paio di suggerimenti: primo, è meglio correre sulla sabbia bagnata che ha maggiore consistenza, il piede appoggia meglio e il lavoro per articolazioni e muscoli è meno faticoso; secondo, non correre scalza perché il piede non ha il tempo di adattarsi all’appoggio senza i "sostegni" a cui è abituato e potresti rischiare tendiniti o stiramenti.

 

RUBRICA A CURA DI RAFFAELLA CAGNAZZO



Giornalista e blogger. Appassionata runner e apprendista fotografa; instancabile viaggiatrice; velista entusiasta.
MyBlackSunglasses.com - Instagram

 

 

Le 6 lady

Fare la mamma single? Una scelta difficile

Set 27, 2016 / Green

Sono incinta. L’ho scoperto da qualche giorno e da allora non faccio che piangere senza decidere come comportarmi. Sarò una mamma single? O rinuncerò? 

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

  • Iscriviti al programma!

Seguimi sui social!

 

Lo sapevi che…?

In premenopausa aumenta il rischio di gravidanza

Molte donne pensano di essere protette durante il periodo che precede l’arresto delle mestruazioni. Ma non è così. Anche se il tasso di fertilità è minimo, alcuni cicli sono ancora fecondi e non è possibile prevedere quali siano. Meglio parlarne con il ginecologo, così da scegliere un idoneo metodo contraccettivo. Attenzione ad affidarsi alla contraccezione naturale, perché le mestruazioni sono spesso irregolari e non si riesce a conoscere il momento esatto dell'ovulazione. In premenopausa si riduce la durata del ciclo, per cui il flusso non compare più ogni  28 giorni, ma ogni 22-24. Inoltre, si verifica un anticipo dell’ovulazione, che avviene qualche giorno prima della metà del ciclo.

Cistiset Advance