Obiettivo: rimettermi in forma per l’estate

Sono ingrassata 5 kg. E grazie alla mia dottoressa ho capito che per rimettermi in forma devo imparare a gestire la mia vita in modo più soft.

 

VioletDi solito sono sempre molto attenta alla mia forma fisica, anche se non posso definirmi una fissata della magrezza a tutti i costi, ci tengo a non mettere su peso non solo per ragioni estetiche. Devo ammettere che la natura mi ha agevolato: sono piuttosto longilinea, ho sempre avuto la vita stretta e le gambe snelle, e il mio peso si è sempre mantenuto più o meno stabile. Tant’è vero che posso ancora indossare tranquillamente i jeans e le magliette di quando ero giovane. Hemmm… Potevo, in realtà devo usare il verbo al passato. Insomma, ho 5 kg in più, è terribile!!!

 

Gli ultimi tempi sono stati un po’ intensi per via del cambio di casa, del trasloco, dell’ansia per l’accensione di un nuovo mutuo, insomma, sono stati davvero faticosi sotto tutti i profili. Mettiamoci un sacco di lavoro e poche ferie… Ed eccomi qui. Ho sempre pensato che lo stress facesse dimagrire: in fin dei conti immaginavo che accelerasse il metabolismo, invece a quanto pare è tutto l’opposto!

 

Ne ho parlato con la ginecologa, e lei mi ha illuminata.

 

La Ginecologa

Veronica, quando è troppo tesa e in ansia si sballa tutto il ciclo ormonale che regola il metabolismo. Assimila di più, ha più fame nervosa, e istintivamente sceglie cibi che fanno ingrassare, anche se non se ne accorge. Scommetto che sta anche dormendo di meno!

 

Altroché se sto dormendo di meno: a volte mi capita di svegliarmi nel cuore della notte e di pensare a come risolvere qualche problema e in genere per riaddormentarmi vado in cucina e mi mangio qualcosa, tipo uno yogurt, un budino, cose così insomma.

 

Alla fine è venuto fuori che all’origine del mio ingrassamento c’è proprio una tripla porzione di stress che il mio corpo sta facendo fatica a metabolizzare. La cosa non mi rasserena perché come si fa a smettere di stressarsi, quando ci sono mille ragioni che ti ci portano? Insomma: le preoccupazioni restano, non le posso certo eliminare!

 

Mi sono comunque messa a dieta: una dieta molto blanda, da 1.700 calorie al giorno, in cui però ci sono meno carboidrati (intesi come dolci, riso e pasta) e più proteine e verdure. Soprattutto sto cercando di lavorare sulla mia gestione dello stress. Una delle cose che la dottoressa mi ha suggerito, in modo molto confidenziale, è quella di imparare a delegare tutto ciò che posso.

 

La Ginecologa

Non c’è nulla di male a permettere agli altri di fare la loro parte, dove sta scritto che deve fare la super donna? Ha già un lavoro che comporta molte responsabilità, almeno dove può, si liberi!

 

Parole sante: da qualche giorno ho cominciato a prendere le cose in modo più soft, e soprattutto senza pretendere di controllare tutto, inoltre mi sto aiutando un po’ con la fitoterapia, soprattutto per dormire meglio e rilassarmi di più anche durante il giorno. Il mio corpo sembra rispondere, e anche se ho appena iniziato mi sento già più leggera, anche quella fastidiosa sensazione di morsa allo stomaco si sta allentando.

 

Il mio obiettivo è quello di tornare in forma per l’estate e la prova costume, ma soprattutto per sentirmi nuovamente me stessa al 100%. E’ una bella fida, ma l’ambizione non mi manca, e neppure le motivazioni!

Le 6 lady

Lo stress è donna. Ma devi combatterlo

Lug 11, 2017 / Violet

Le donne sono geneticamente e socialmente multitasking, ma questo non le preserva dallo stress: ecco come evitarlo e ridurlo.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Macchie della pelle? Meglio non sottovalutarle

Sottoporsi a una visita dermatologica per far controllare nei e macchie sulla pelle è importante: una macchia, infatti, non sempre è solo un problema estetico. Si può trattare di una cheratosi: sono macchie scure benigne, ma che vanno tenute sotto controllo dal momento che con il tempo possono evolvere in tumore. Stesso discorso per i nei: per lo più si tratta di lesioni benigne che non devono preoccupare, ma in alcuni casi, sebbene rari, sono correlate ad un pericolo maggiore di incappare in un melanoma, il più noto dei tumori della pelle. Tra le principali caratteristiche di allarme, i nei “brutti” misurano 5-12 mm, hanno margini irregolari e mal definiti e si modificano nel tempo.

Cistiset Advance