Menopausa: tutto quello che devi sapere

Dalla A alla Z, le informazioni indispensabili per affrontare la fase della tua vita che va dalla premenopausa alla post menopausa.

Silver

Pensi di sapere già tutto sulla menopausa? Se, come ad Anna, ti mancano alcune informazioni per avere un’idea chiara di ciò che accadrà o sta iniziando ad accadere, sei nel posto giusto! Ecco un riepilogo della menopausa in… pillole. Scorri le parole chiave e magari scoprirai qualcosa che, forse, ti era sfuggito.

 

Alterazione del ciclo mestruale. Le donne con ciclo regolare in genere cominciano a soffrire all’improvviso di polimenorrea (mestruazioni ravvicinate, anche ogni 15 giorni) o al contrario oligomenorrea (mestruazioni distanziate oltre 40 giorni le une dalle altre), con modifiche anche nel flusso. Leggi l’articolo.

 

Capelli. Può accadere che i capelli appaiano meno folti e più sottili, a e anche i peli tendono a diradarsi (ma questa è una buona notizia!).

 

Climaterio. È la fase che precede la menopausa vera e propria, anche definito premenopausa, che include tutte le modifiche del ciclo e le fluttuazioni ormonali con ciò che esse comportano. Scopri tutto qui.

 

Dieta. Ciò che mangi influisce sulla menopausa, o meglio, sugli effetti e le conseguenze di questa. Segui una dieta variata, riduci porzioni e calorie se tendi ad appesantirti nel girovita e se fai vita sedentaria, ma soprattutto non farti mai mancare cibi cruciali per il tuo benessere. Ecco la dieta giusta.

 

Disturbi urinari. Si potrebbero presentare piccole perdite dovute ad un minor controllo vescicale della muscolatura del pavimento pelvico. Prova gli esercizi Kegel, che ti insegnano a controllare l’emissione di urina e percepire in tempo lo stimolo. Utilizza assorbenti in 100% cotone dentro e fuori.

 

Età. Il 41% delle donne sperimenta le alterazioni del ciclo mensile attribuibili ad una condizione di premenopausa tra i 40 e i 44 anni; Il 18% tra il 45 e i 59 anni; il 4% dopo i 50 anni. E le altre? Il 37% della popolazione femminile ha già sintomi di premenopausa nel decennio che precede i 40, con punte del 27% tra i 35 e i 39.

Gravidanza. Puoi restare incinta in fase di premenopausa? Certo che sì, sebbene le percentuali siano sicuramente basse. Leggi perché.

 

 

Intestino. Irritabile, gonfio, meteorico e con problemi di stitichezza o diarrea. Così l’intestino risponde alle fluttuazioni ormonali. Assumi probiotici, segui un’alimentazione leggera e fai sport.

 

Irritabilità. Non è detto che il tuo umore cambi, ma non ti spaventare se a causa delle repentine variazioni ormonali ti sentirai più nervosa e ansiosa.

 

Osteoporosi. Il rischio concreto è che il tuo scheletro diventi più fragile, perché meno ormoni estrogeni significa anche minor produzione di osteoblasti, cellule che formano il tessuto osseo. Ecco come mantenere le ossa in salute.

 

Pressione arteriosa. Quando mancano gli ormoni estrogeni, aumentano i rischi di patologie cardiovascolari. Ipertensione? Guai a sottovalutarla.

 

Secchezza vaginale. A causa della progressiva riduzione nella produzione degli ormoni estrogeni, che stimolano la naturale lubrificazione della mucosa intima, in fase di premenopausa è normale avvertire un po’ di secchezza. Approfondisci qui.

 

Sessualità. Il calo nella produzione degli ormoni, incluso il testosterone, provoca in molte donne in fase di climaterio e menopausa un certo calo del desiderio sessuale. Leggi tanti utili consigli.

 

Sonno. Potresti soffrire di sonnolenza eccessiva o, al contrario, di risvegli notturni fino ad insonnia vera e propria. Prova con la melatonina e la valeriana, ma soprattutto con tecniche anti-stress e rilassanti come la meditazione mindfulness.

 

Sport. Se non ne hai mai fatto finora, è tempo di cominciare. L’attività fisica ha effetti incredibilmente positivi sul tuo fisico. Migliorando il tono muscolare e la circolazione, contrasti gli effetti della cessazione dell’attività ovarica, mantieni un buon peso forma e soprattutto proteggi ossa e cuore.

 

TOS. La terapia ormonale sostituiva mira a prolungare l’attività ovarica con un rilascio di estrogeni controllato attraverso l’applicazione di un comodo cerotto. È consigliata? Dipende. Parlane con il tuo ginecologo. Hai mai sentito parlare del tibolone? Scopri cos’è.

 

Vampate di calore. Sintomo che sperimentano quasi tutte le donne, non grave ma fastidioso. Affrontale così!

 

IL CONSIGLIO DELLA GINECOLOGA

La Ginecologa

LA MENOPAUSA È UNA TAPPA FISIOLOGICA DELLA VITA FEMMINILE CHE SI RISOLVE NELLA CESSAZIONE DELL’ATTIVITÀ OVARICA. L’ETÀ È VARIABILE, DIPENDE DA MOLTI FATTORI CHE NON SEMPRE SONO LEGATI ALLA MERA CONTA DEGLI OVOCITI A DISPOSIZIONE. C’ENTRANO FATTORI COME LO STRESS, L’INQUINAMENTO, LE MALATTIE DI TIPO GINECOLOGICO, L’EREDITARIETÀ, LO STILE DI VITA. CHI FUMA DA MOLTO TEMPO, AD ESEMPIO, RISCHIA DI ANTICIPARE LA MENOPAUSA. QUANTO ALL’ETÀ DELL’ULTIMA GRAVIDANZA, NON HA ALCUN INFLUSSO: CHI FA UN FIGLIO A 45 ANNI, POTREBBE COMUNQUE ENTRARE IN MENOPAUSA L’ANNO SUCCESSIVO. L’IMPORTANTE, PER CHI SI ACCORGA DI AVERE I PRIMI SINTOMI DELLA MENOPAUSA, È PARLARNE CON IL GINECOLOGO E SOTTOPORSI AGLI ESAMI DEL CASO.

Le 6 lady

A pezzi, dentro e fuori: una vacanza da incubo

Set 27, 2016 / Pink

Ho aspettato per mesi di trascorrere una vacanza da sogno e non solo mi sono ammalata sul più bello, ma ho anche scoperto il mio uomo flirtare con un’altra.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

pH vaginale? Meglio acido

Il pH misura il grado di acidità (da 0 a 7) o di basicità (da 7 a 14) dei liquidi biologici e dei tessuti. In età fertile il pH vaginale è acido, cioè compreso tra 4,5 e 5. Gli ormoni estrogeni stimolano infatti la produzione di glicogeno, uno zucchero che viene trasformato dalla flora batterica in acido lattico, sostanza che mantiene stabile il pH. L'acidità è importantissima per il benessere dell'ecosistema vaginale: in queste condizioni, infatti, i germi patogeni non riescono a moltiplicarsi, con minore probabilità di sviluppare infezioni intime. Può bastare un prodotto sbagliato per alzare l'acidità delle mucose genitali, indebolire i lattobacilli e spianare la strada ai germi patogeni.

Cistiset Advance