Lunghezza del collo dell'utero: quando preoccuparsi

La lunghezza del collo dell’utero è un indicatore importante durante la gravidanza. Se non è sufficiente, aumenta il rischio di parto prematuro.

 

La GinecologaNormalmente in gravidanza il collo dell'utero misura tra i 35 e i 45 mm. Qualora la lunghezza sia inferiore ai 25 mm vi è un rischio aumentato di parto prematuro ed è consigliato il riposo. Inoltre, dopo la 24 settimana di gravidanza è raccomandata una profilassi con il cortisone intramuscolo per 2 giorni con l’obiettivo di accelerare la maturazione dei polmoni del feto. Al di sotto dei 15 mm il rischio è ancora maggiore ed è consigliato l'allettamento stretto.

 

La misurazione della lunghezza del collo dell'utero si chiama cervicometria e viene eseguita con un'ecografia transvaginale a partire dalla 20 settimana di gravidanza in caso di situazioni di rischio, come ad esempio:

Le 6 lady

A tavola prima del ciclo: i 10 cibi su cui puntare

Apr 28, 2016 / Pink

Ecco gli alimenti che possono aiutarti in fase premestruale a stare meglio sia sotto il profilo psicologico che fisico.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Per ossa in salute bevi più acqua e meno bibite gassate

In Italia milioni di donne over 40 soffrono di osteoporosi o di fragilità ossea. E l’alimentazione scorretta è uno dei principali fattori di rischio per questa grave malattia che, purtroppo, si manifesta solo quando ormai la perdita di massa ossea è significativa. Tra le abitudini alimentari dannose c’è anche l’abuso di bevande gassate. Le bibite zuccherate in lattina o in bottiglia contengono acido fosforico, un vero e proprio “rapinatore” di calcio dalle ossa. Altri nemici dello scheletro sono l’alcol e il caffè. I consigli sono di bere acqua, limitare il più possibile le bibite, evitare i superalcolici e concedersi al massimo 1-2 bicchieri al giorno di vino o birra e 3 tazzine al giorno di caffè.

Cistiset Advance