Le Lady Runner vanno… di corsa! Ti racconto perché

Ciao, sono Raffaella e sono qui per raccontarti la mia esperienza da runner. Anzi, da #ladyrunner. Perché un conto è correre e un altro è vincere una sfida. E una lady questo lo sa fare… con stile!

 

Correre, si sa, lo sappiamo fare tutti più o meno bene, ma quello che conta è divertirsi mentre si corre e vincere una sfida contro la pigrizia e la fatica, mantenendo il relax e un certo stile anche con le scarpette ai piedi. E una lady, questo, sa come riuscire a farlo bene. Ecco la mia esperienza.

Innanzitutto non ti spaventare. Non sono una invasata di attività fisica che non si ferma mai e macina una maratona dietro l'altra. Non sono nemmeno una runner che ha iniziato perché correre è diventato di moda. No. Sono un'appassionata di corsa che ruota attorno agli “anta”, che ha scoperto quanto fa bene sgambettare all’aria aperta, da sola e in compagnia di amici, e che non vede l'ora di raccontarti perché. 

Corro da circa quattro anni, è una passione nata per caso e che si è sviluppata nel tempo: ho imparato qualche piccolo accorgimento, anche alimentare, e ne ho fatto il mio segreto per uno stile di vita sano. E siccome le cose belle poi è difficile abbandonarle… non posso e non voglio più smettere. Non ci sono pioggia, neve, giorni no (sì proprio quelli!), malavoglia che mi trattengano. Indosso le scarpe e parto. 

Già, le scarpe! L’elemento fondamentale per correre. Te lo consiglio vivamente, soprattutto se sei ai primi passi nel mondo del running. Scegli le scarpe giuste: fatti fare un’analisi dell’appoggio del piede in un negozio specializzato e affidati agli esperti. Macinare chilometri con un paio di scarpe che male si adattano al tuo piede è il modo migliore per farti male. Poi lasciati andare, rilassati ed esci.

Inizia a fare un po’ di stretching leggero per riscaldare i muscoli ed evitare che insorgano dolori e spiacevoli inconvenienti fisici; bevi acqua, anche se non troppa altrimenti crea pesantezza: l’idratazione serve per prevenire crampi, vertigini e spossatezza. Scegli un parco, una strada, una spiaggia: uno spazio che ti premetta di stare in pace con te stessa e di divertirti. Cerca di stare dritta mentre corri, con il peso leggermente spostato in avanti e non dimenticarti di muovere le braccia.

Non ti spaventare per la fatica. All’inizio è normale! Se riesci a fare solo un paio di chilometri, va bene così. Se ne fai di più, benissimo! Non devi pensare di poter arrivare subito a correre 10 km o più, ma ad allenarti con gioia e tanta forza di volontà. Correre, come tutte le altre cose nella vita, è una sfida… da vincere. Con pazienza e semplicità (e noi lady sappiamo quanta ce ne vuole nella vita di tutti i giorni).

Credimi se ti dico che quella forza di volontà che ti ha fatto abbandonare il divano e uscire per fare un po’ di sport, ti farà scoprire un lato di te stessa che non conoscevi. Fatto di caparbietà, gioia per i risultati ottenuti e sorpresa per la carica e l’entusiasmo che la corsa ti darà nell’affrontare le tue sfide quotidiane.

Non ti resta che provare. E allora allaccia anche tu le scarpette, e via!

 

RUBRICA A CURA DI RAFFAELLA CAGNAZZO



Giornalista e blogger. Appassionata runner e apprendista fotografa; instancabile viaggiatrice; velista entusiasta.
MyBlackSunglasses.com - Instagram

 

 

Le 6 lady

A pezzi, dentro e fuori: una vacanza da incubo

Set 27, 2016 / Pink

Ho aspettato per mesi di trascorrere una vacanza da sogno e non solo mi sono ammalata sul più bello, ma ho anche scoperto il mio uomo flirtare con un’altra.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Seguimi sui social!

 

Lo sapevi che…?

Orecchie rosse? Non sempre per la vergogna…

Sui danni da cellulare se ne sono dette tante, ma questa è veramente curiosa: tra chi lo utilizza continuamente, ci sarebbe un alto rischio di sviluppare la dermatite. Questa malattia della pelle è localizzata intorno all'orecchio e sull'orecchio stesso e si manifesta con arrossamento, prurito, vescicole. A causare questo sfogo, circoscritto alla zona dov'è appoggiato il telefonino, è probabilmente il nichel o il cromo, che sono presenti nelle parti metalliche del cellulare. I due metalli sono spesso impiegati nei cellulari attorno allo schermo, nella tastiera, nel logo. La soluzione viene da sé: poche telefonate, cambiare spesso orecchio e utilizzare il più possibile auricolare e viva voce.

Cistiset Advance