La sessualità in menopausa

I cambiamenti fisici e ormonali della menopausa possono influenzare negativamente la sessualità femminile. Ma i rimedi non mancano.

 

La menopausa è un'esperienza comune a tutte le donne e al contempo diversa per ognuna. C'è chi non si accorge neppure di questo passaggio e chi invece lo soffre profondamente con sintomi a livello fisico e psicologico. Tutto ciò può influenzare anche la sessualità della donna. Per alcune è un fatto positivo: si possono avere rapporti sessuali completi senza il rischio di una gravidanza. Per altre, una buona casistica che supera purtroppo l'80%, la fine del ciclo mestruale corrisponde all'inizio di qualche disturbo della sfera intima:

 

 

 

Le cause delle difficoltà sessuali in menopausa

Nella maggioranza dei casi, tutto parte da un calo dei livelli di ormoni in circolo, soprattutto degli estrogeni. Ma non va dimenticato che la funzione sessuale è un complesso fenomeno che coinvolge anche il sistema cardiovascolare, il midollo spinale, i nervi periferici, il cervello, la psiche... e su cui incidono anche gli aspetti socio-culturali: molte donne non più fertili ritengono di perdere in femminilità e questo influisce sul cambiamento del desiderio sessuale, così come anche alcune patologie e stili di vita:

 

  • Disturbi ginecologici di vario genere
  • Diabete
  • Ipertensione
  • Dolore cronico
  • Alcolismo
  • Tabagismo
  • Disfunzioni della tiroide
  • Impiego di farmaci anti-ipertensivi, tranquillanti, antistaminici, cortisonici, antidepressivi

 

Sono tutte situazioni abbastanza comuni nella donna matura che possono indurre qualche forma di disfunzione sessuale che peggiora la situazione dovuta già al deficit ormonale. Determinare la causa dei problemi sessuali in menopausa può essere difficile, anche perché spesso si evita di affrontarli, per imbarazzo, come se una cinquantenne o una sessantenne non potesse desiderare una vita attiva anche da questo punto di vista!

 

Cosa fare?

Dipende ovviamente dal problema di base. Una TOS (Terapia Ormonale Sostitutiva) nel periodo della perimenopausa può aiutare a ritardare i sintomi. Ad esempio per la secchezza vaginale si possono utilizzare delle creme specifiche (idratanti, lubrificanti, contenenti estrogeni) e vanno evitate le lavande vaginali che possono alterare il pH fisiologico e peggiorare la situazione.

 

Utile fare anche cambiamenti nello stile di vita:

 

  • Prendersi cura della propria salute (alcune patologie possono inficiare la sessualità, tenerle sotto controllo è importante anche in questa ottica)
  • Evitare fumo e alcol
  • Fare esercizio fisico: stimola il buonumore, scarica le tensioni, favorisce un buon funzionamento vascolare, aumenta l'energia e migliora l'aspetto fisico, tutte cose importanti al fine della sessualità
  • Fare esercizi per il pavimento pelvico: aumentano il flusso di sangue negli organi interessati al rapporto sessuale rendendolo più piacevole e rafforzano i muscoli coinvolti nell'orgasmo
  • Parlare con il proprio partner di ciò che si prova, delle difficoltà, dei desideri

 

 

Attenzione ai rapporti sessuali non protetti

Anche se in menopausa non c'è più il rischio di rimanere in stato interessante, permane quello delle malattie sessualmente trasmesse se si hanno rapporti non protetti.

 

Le 6 lady

Capelli fragili, che cadono: perché proprio a me?

Mag 23, 2016 / Violet

La tua capigliatura è un po’ stressata? Forse ha bisogno di un break dai trattamenti troppo aggressivi…

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

mese del benessere intimo

 

Lo sapevi che…?

Esiste una forma di emicrania “da aereo”

Un gruppo di ricercatori italiani ha identificato una forma di emicrania “da aereo”. Non è accompagnata da altri sintomi, ma il male è così intenso da far rinunciare addirittura a volare. Le ragioni non sono del tutto note. In sostanza, ci sarebbero organismi particolarmente sensibili che non riescono ad adattarsi automaticamente al cambio di pressione durante il decollo e l’atterraggio. La soluzione? Al momento solo una: chi ne soffre dovrebbe assumere un antidolorifico mezz’ora prima dell'atterraggio, che è la fase più a rischio. Altre forme curiose e poco comuni di cefalea sono: la cefalea da tosse, quella da week-end e quella associata all’attività sessuale che, quindi, esiste davvero ;-)

Cistiset Advance
Ti piacerebbe ricevere
un consulto gratuito
per un PROBLEMA INTIMO?