Infezioni alle vie urinarie in menopausa

Perché in menopausa è più facile soffrire di cistite? Come si può ridurre il rischio di infezioni delle vie urinarie in questa delicata età della donna.

Essere donna di per sé predispone alle infezioni delle vie urinarie per ragioni anatomiche, perché l’ingresso delle vie urinarie è più vicino a zone in cui sono presenti batteri (ano e vagina), e fisiologiche per la presenza di variazioni ormonali.  La probabilità di soffrire di cistiti e uretriti ricorrenti, però, assai frequente durante la menopausa. Ciò avviene perchè il periodo del climaterio,in cui l’attività delle ovaie diminuisce fino a cessare del tutto, si manifesta con sintomi e tappe che modificano in modo importante l’ambiente urinario e intimo. 

 

 

Salute intima, una questione di ormoni

Nella donna in età fertile la vagina è abitata da batteri buoni, come ad esempio i lattobacilli, che proteggono la mucosa interna dai batteri cattivi come Escherichia coli, che arrivano dall’intestino. Normalmente, batteri buoni e cattivi vivono in equilibrio tra loro grazie alla presenza degli ormoni estrogeni. In menopausa, però, gli estrogeni diminuiscono a causa del “pensionamento” delle ovaie e questo equilibrio viene perso favorendo il passaggio e la crescita sia in vagina che in vescica di Escherichia coli, responsabile di oltre l’80% di tutte le cistiti batteriche.

Durante la menopausa le variazioni ormonali indeboliscono la mucosa e la flora batterica intestinali e favoriscono la comparsa di stitichezza e di altri disturbi. Chi soffre di stitichezza sa che è un disturbo doloroso, imbarazzante e difficile da risolvere. Ebbene, una scarsa regolarità intestinale favorisce la comparsa di infiammazioni, che a loro volta alterano l’equilibrio della flora batterica e contribuiscono alla formazione di infezioni delle vie urinarie. In menopausa, inoltre, i muscoli della zona pelvica perdono di tonicità ed è più facile soffrire di piccole perdite urinarie, un altro fattore che predispone alle cistiti.

 

Sì all’attività sessuale, ma sempre con attenzione

Gli estrogeni sono coinvolti anche nella sessualità femminile, perchè mantengono la tonicità e la lubrificazione della vagina. A causa delle variazioni ormonali in menopausa si può soffrire di secchezza vaginale. Cosa c’entra con la cistite? Se la vagina non è sufficiente tonica e lubrificata la mucosa può danneggiarsi durante un rapporto sessuale e possono comparire infiammazione e irritazione che si diffondono alle vie urinarie con contratture muscolari, flogosi e dolore. Dal momento che la mucosa intima è così delicata e vulnerabile alle irritazioni e alla colonizzazione da parte dei batteri intestinali, in menopausa diventa ancora più importante curare l’igiene intima con saponi non aggressivi, per non impoverire ancora di più la flora batterica vaginale e non aumentare l’infiammazione nelle zone intime. Attenzione anche a come ci si lava: il movimento va sempre dalla vagina all’ano e non viceversa, per non rischiare di trasportare i batteri intestinali verso la vagina.

 

Come prevenire le cistiti ricorrenti in menopausa

L’infezione delle vie urinarie non sempre è dovuta ad una infezione batterica. L’uso di antibiotici, quindi, non è sufficiente ad impedire le recidive e potrebbe, anzi, causare un ulteriore danno ai batteri buoni che non sono immuni dall’azione battericida di questa classe di farmaci. Ecco perché non bisogna mai fare di testa propria ed è meglio non assumere antibiotici senza l’indicazione del medico.

Cosa si può e si deve fare per risolvere e prevenire le infezioni delle urinarie in menopausa?

  • Si può cominciare dalla somministrazione della terapia ormonale, se e quando possibile, specialmente in caso di menopausa precoce o improvvisa. Ci sono anche le pillole a sola base di estradiolo che si possono assumere fino ai 50 anni senza problemi, oltre ai classici “cerotti”, e agli estrogeni che si applicano direttamente in vagina.
  • Ginnastica per rinforzare il pavimento pelvico.
  • Assunzione di integratori naturali a base di cranberry e D-mannosio, due sostanze naturali che agiscono sul benessere delle vie urinarie.
  • Uso di gel idratanti per la secchezza vaginale.
  • Rimedi naturali per la cura e la prevenzione della stitichezza come tisane e infusi che favoriscono la regolarità intestinale.
  • Bere tanta acqua, sia per favorire l’eliminazione dei batteri con le urine che per renderle meno acide e, quindi, meno irritanti.
  • Ultimo consiglio ma non meno importante…allontanare lo stress! La menopausa può essere un momento delicato da vivere, ma non rappresenta solo la fine di qualcosa. Basta cambiare prospettiva e pensare che, invece, sia l’inizio di una nuova ed entusiasmante fase della propria esistenza femminile.
  • Iscriviti al programma!

 

Lo sapevi che…?

Un motivo in più per smettere di fumare? Respirare

Hai una tosse fastidiosa, che non passa? Se sei una fumatrice, probabilmente per te tosse, catarro e mancanza di respiro sono sintomi apparentemente normali. Attenzione però, perché possono essere i campanelli d'allarme di una grave malattia respiratoria nota come BPCO, ovvero Broncopneumopatia cronica ostruttiva. Si tratta di una patologia invalidante molto diffusa ma spesso riconosciuta troppo tardi, anche 4 anni dopo la sua insorgenza. La BPCO colpisce solitamente intorno ai 40 anni e nella gran parte dei casi è causata dal fumo. Buttare le sigarette è il modo più efficace per ridurre il rischio di BPCO e la progressione della malattia, migliorando la qualità della vita e del respiro. 

Cistiset Advance