Il sesso dopo la menopausa

La menopausa non deve rappresentare la fine della tua vita sessuale, ma anzi un nuovo inizio. Scopri come vivere una sessualità appagante negli anni della maturità.

 

Silver

La menopausa non è una fase della vita facile per una donna. Ad esempio Anna sta facendo una gran fatica ad adattarsi alla sua nuova “dimensione”. Come lei, tante altre donne provano sulla loro pelle le difficoltà che questo cruciale cambiamento fisiologico comporta, con modi e intensità differenti per ciascuna. E tu, come la vivi, o come credi la vivrai? Parlando, ad esempio, di sesso, cosa puoi legittimamente attenderti?

 

Quando le ovaie vanno a riposo e smettono di produrre regolarmente gli ormoni estrogeni, il tuo corpo cambia, cambia anche la psiche, e naturalmente cambiano le tue esigenze sessuali. Questo significa che è necessario rimodulare un pochino la tua attitudine alla sessualità, il tuo modo di vivere l’intimità e di percepire il desiderio.

 

Cosa accade dal punto di vista fisico? La mancata azione ormonale produce una alterazione della lubrificazione naturale della vagina, che tende a ridursi. Per tale ragione potresti soffrire di secchezza vaginale, la quale a sua volta comporta sintomi spiacevoli come prurito e soprattutto fastidio, persino dolore durante i rapporti sessuali. Molte donne a causa di questo problema tendono a negarsi il piacere ritenendo, erroneamente, che questo segnale di apparente “indisponibilità” vaginale significhi che si deve smettere di fare l’amore.

 

La secchezza vaginale è spesso associata ad un calo della libido, sempre determinata da ragioni ormonali, perché, così come cala la produzione di estrogeni, cala anche quella di testosterone che regola proprio il desiderio sessuale, e molte donne non ritengono opportuno fare qualcosa per riattivarlo.

 

Inoltre, durante la fase del climaterio anche il tuo corpo tende a modificarsi: è più facile accumulare adipe soprattutto nella zona addominale, i tessuti cutanei si rilassano e si svuotano, il seno perde turgore, sul viso appaiono rughe più profonde, i capelli si ingrigiscono e diventano più sottili e radi.

 

Tutto normale, è segno dell’avanzare dell’età! Ma questa consapevolezza potrebbe terrorizzarti, destabilizzarti: e come potrebbe essere diversamente, quando ti rendi conto di non avere più il controllo sul tuo corpo, che dimagrire non è più facile come un tempo, che il solito make-up non ti basta a ridare freschezza al viso segnato. E vogliamo metterci magari quelle fastidiose, piccole perdite di urina che tanto ti imbarazzano?

 

Tutte queste possibili conseguenze della menopausa – che però, attenzione, non sono tutte presenti con le stesse caratteristiche, dato che ogni donna è diversa - hanno delle ricadute sulla sessualità e più ancora sull’approccio psicologico all’intimità.

 

Si smette di desiderarla per mille motivi, ma molti sono, in realtà, di natura “mentale”. Non essere più a tuo agio con il corpo, non vederti più attraente, sapere di non poter più concepire, sentire la tua vagina arida, sono altrettanti fattori che potrebbero portarti a “desertificare” l’intimità con il tuo partner, magari proprio quello di una vita, che altro non può fare se non ritirarsi in buon ordine.

 

Ma è davvero questa la soluzione? No, è una fuga. In realtà non esiste alcuna ragione fisiologica per cui la menopausa debba rappresentare la fine della tua sessualità. La secchezza vaginale puoi tranquillamente alleviarla con l’uso di lubrificanti intimi e di integratori naturali, il desiderio puoi mantenerlo vivo soprattutto continuando a fare l’amore, ad accendere i sensi non solo nell’area genitale, ma in tutto il corpo attraverso massaggi e carezze, attraverso il contatto fisico con il tuo partner, che non deve mai latitare.

 

Quanto ai cambiamenti del tuo corpo, sono solo in parte inevitabili. Lascia perdere però la rincorsa alla giovinezza perduta attraverso il ricorso a costose operazioni di chirurgia estetica, botox o filler che rischiano di farti apparire solo più gonfia, e non più bella. Semmai prenditi molta cura del tuo corpo in modo sano e naturale, non abbandonarlo. Mantieniti in forma, questo è importante: mangia bene, meglio del solito, privilegiando gli alimenti naturalmente anti-age come la frutta fresca e secca, la verdura, i semi oleosi di lino, di zucca, di chia, di sesamo, di girasole, lo yogurt, il pesce, i legumi, il buon olio extravergine d’oliva e naturalmente spezie afrodisiache come il peperoncino.

 

Muoviti di più! Vai in palestra, fai jogging, corsi di ballo, nuota al mare o in piscina e soprattutto cammina per mantenere il cuore e i muscoli ben allenati e migliorare la circolazione. Fare moto ha molti effetti positivi: ti mantiene giovane ed elastica, fa bene alle tue ossa, aumenta la produzione degli ormoni del buon umore e migliora l’ossigenazione del tuo corpo, incluse le zone intime. Fare moto fa venire più voglia di fare l’amore!

 

La tua sensualità va coltivata, pertanto cerca la complicità del partner, non permettere alle tue insicurezze e paure di compromettere il rapporto d’amore o di impedirti di cercarne uno nuovo. La sessualità investe tutto il corpo, ma parte dalla testa. Lavora sull’anima, sulla psiche, sull’autostima, sulla sicurezza… E il resto verrà da sé.

 

IL CONSIGLIO DELLA GINECOLOGA

La Ginecologa

PER MANTENERE TONICI IL PAVIMENTO PELVICO E LA MUSCOLATURA VAGINALE E PER STIMOLARE IL DESIDERIO E LA RISPOSTA ORGASMICA SONO OTTIMI GLI ESERCIZI DI KEGEL. IL TUO GINECOLOGO PUÒ FORNIRTI TUTTE LE INDICAZIONI SU COME PRATICARE OGNI GIORNO QUESTI FACILI ESERCIZI, CHE POTREBBERO DAVVERO CONTRIBUIRE A DARE UNA SVOLTA ALLA TUA SESSUALITÀ.

 

Le 6 lady

Perdite urinarie in menopausa? Affrontale con le ali!

Mag 12, 2016 / Silver

L’incontinenza urinaria può verificarsi o accentuarsi durante la menopausa. Ma non temere: per ogni problema c’è una soluzione.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

mese del benessere intimo

 

Lo sapevi che…?

Migliore o peggiore? No, diverso. E’ il cervello femminile

Sei più multitasking di tuo marito? Certo, sei una donna! E lui è più bravo di te nel leggere le mappe? Ovvio, è un maschio! Ebbene, quelli che una volta erano dei luoghi comuni sono stati dimostrati scientificamente. Esistono differenze tra uomini e donne, risultato di effetti avvenuti nel corso di millenni e che coinvolgono la genetica, gli ormoni, il cervello, e che non implicano alcun giudizio di inferiorità o superiorità. In generale, il cervello dell'uomo segue schemi più basati sulla razionalità, mentre nella donna il funzionamento sarebbe maggiormente di tipo intuitivo. Nell'uomo, inoltre, il funzionamento dei circuiti nervosi è più rigido, mentre è più plastico nella donna.

Cistiset Advance
Ti piacerebbe ricevere
un consulto gratuito
per un PROBLEMA INTIMO?