Il running: aria per la tua pelle e i tuoi capelli

Correre per stare bene fisicamente e per far “respirare” pelle e capelli: ecco tutti i benefici.

 

Oggi ho una voglia incredibile di andare a correre, e sai perché? Perché voglio dare aria alla mia pelle e ai miei capelli! Prima della mia consueta sessione di running ho allora deciso di raccontarti di questo “nuovo” beneficio della corsa. Nuovo perché non te ne ho ancora parlato. Rimedio subito!

Che correre faccia bene, lo hai ormai capito: i tuoi allenamenti settimanali ti danno una carica incredibile, ti stimolano a fare meglio e a continuare a farlo, incidono sulla tua forza di volontà e ti regalano ottimismo.

 

Ma i benefici non sono solo quelli psicologici. Influiscono anche sul fisico e non soltanto perché ti permettono di vedere la tua figura più asciutta, tonica e in forma. Ci sono aspetti che forse non ti saltano subito all’occhio, ma che sono importanti tanto quanto la forma delle tue gambe e dei fianchi. Come quelli sulla pelle e i capelli.

 

Ebbene sì, correre fa bene anche alla pelle (quella del viso di solito risulta più luminosa) e ai capelli. Ma in particolare, per rendere la tua chioma sana, devi rispettare qualche piccolo accorgimento.

 

Innanzitutto, ti consiglio di pettinarti sempre prima di uscire per una sessione di running. Districare i capelli prima, aiuta il cuoio capelluto a ossigenarsi e lo prepara per respirare meglio durante l’attività fisica. Considera che il sudore che produci mentre corri contiene sale e acqua, un’accoppiata che rende i capelli meno elastici: quindi bisogna prevenire il rischio che si spezzino coccolandoli anticipatamente. Se li spazzoli, li leghi con uno chignon o una coda (o ancora meglio una treccia) e magari applichi un pochino di crema protettiva, i capelli staranno meglio. E dopo la corsa risulteranno più lucidi e sani.

 

Cosa diversa, invece, è il benessere della pelle. Secondo uno studio realizzato da ricercatori canadesi della McMaster University dell’Ontario, correre rallenta i segni del tempo. Insomma, gli scienziati hanno dimostrato che chi corre regolarmente 3 o 4 volte la settimana ha sulla pelle un effetto che assomiglia al lifting. La pelle è più tonica, più sana e le cellule sono più giovani: risentono infatti delle miochine, delle proteine che vengono prodotte dai muscoli durante la corsa e che – in modo diverso – nutrono il tuo organismo. Un beneficio non indifferente per chi è attenta al benessere naturale del corpo.

 

Non servono prodotti specifici o costose creme, ma servono - anche qui – alcuni accorgimenti.

 

Primo fra tutti, ti consiglio di bere tanto. Perché durante l’attività fisica il corpo espelle acqua e tossine e, senza il giusto reintegro di acqua, ma anche di sali minerali, la pelle “si svuota”. Poi ti suggerisco di applicare (sempre!) dopo la doccia una crema idratante: fare attività fisica comporta aumentare il numero delle docce in una giornata o settimana. Questo crea le condizioni perché la pelle si screpoli o si secchi facilmente: per prevenire questa brutta esperienza, è quindi necessario mantenere la pelle “alimentata” e fresca. Ed è anche per questo che è necessario farla respirare al termine della corsa, indossando indumenti traspiranti e naturali, come il cotone.

 

Insomma, correre ti aiuta a sentirti meglio, ti dà energia, ti snellisce, ti tonifica e… ti mantiene anche più giovane e bella! Cosa volere di più dalla vita ;-)

 

RUBRICA A CURA DI RAFFAELLA CAGNAZZO



Giornalista e blogger. Appassionata runner e apprendista fotografa; instancabile viaggiatrice; velista entusiasta.
MyBlackSunglasses.com - Instagram

 

 

Le 6 lady

Sindrome premestruale o profonda tristezza?

Mag 23, 2016 / Violet

Qualche volta l’incontenibile voglia di piangere ha cause psicologiche profonde: attenzione a non confondere la depressione vera con la sindrome premestruale.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

  • Iscriviti al programma!

Seguimi sui social!

 

Lo sapevi che…?

Un’arma in più contro il tumore al seno? I pomodori

Secondo alcuni studi, una dieta ricca di pomodori avrebbe un forte impatto sugli ormoni che, indirettamente, proteggono dal cancro alla mammella. Il licopene contenuto nel pomodoro potrebbe infatti favorire la crescita dei livelli di un ormone importante per il controllo del peso e del metabolismo di grassi e zuccheri. Il rischio di cancro al seno è associato, tra l’altro, proprio a condizioni di sovrappeso e obesità. Riuscire a controllarli attraverso la dieta potrebbe, quindi, aiutare nella prevenzione di questo tumore. La diagnosi precoce, ovvero l’attenzione a sottoporsi a visite e screening a seconda dell’età, ad esempio la mammografia, resta comunque la migliore arma di prevenzione.

Cistiset Advance