I chili di troppo dopo un figlio? Tutti via ascoltando il tuo corpo

Se la gravidanza è fisiologica e non mangi per due, non temere: i chili di troppo dopo il parto se ne andranno spontaneamente. Te lo dice una #ladymamma che ci è passata.

 

Quando resti incinta, la felicità è immensa. Ma passata l’euforia dei primi istanti, il pensiero va al tuo corpo che nell’arco di appena nove mesi dovrà subire delle trasformazioni davvero impressionanti. Oltre all’aumento di peso e al lievitare del pancione, che pian piano ti impedirà di vederti le punte dei piedi, cambierà il tuo baricentro, cambierà la conformazione del tuo bacino, cambierà la luce della tua pelle e dei tuoi capelli, ti aumenterà il seno, probabilmente potrai soffrire di mal di schiena, nausea, mal di stomaco, gonfiori alle gambe, avrai la necessità di andare in bagno più spesso del solito… Insomma, nulla di te sarà più lo stesso, nel bene e nel male! E, come per magia, tutto o quasi tornerà alla normalità terminata la gravidanza. Anche il peso? Sì, anche quello. A meno che tu abbia esagerato con il cibo… E allora in quel caso la faccenda si complicherà un po’.

 

Una volta si diceva che durante i nove mesi fosse normale, e probabilmente giusto, mangiare per due. Ecco, questo non è più vero, nel senso che nessun medico si sognerebbe mai di consigliare a una donna incinta di strafogarsi per consentire al piccolo di crescere bene. Mettere su troppo peso significa farsi del male e farlo anche al piccolino. E’ importante mangiare in modo sano e senza eccessi, dando al feto tutti i nutrienti di cui ha bisogno ma in modo fisiologico e dunque misurato. Ciò non significa dover stare per forza a dieta o rinunciare a qualsiasi peccato di gola. Ci mancherebbe altro!

 

L’organismo è una macchina perfetta e ti manda dei segnali ben chiari, sta a te interpretarli e assecondarli: mangiare quando hai fame e non farlo quando invece il tuo corpo non te lo chiede. Se ti chiede però qualcosa di dolce, fuori pasto, e non hai problemi di salute come ad esempio il diabete gestazionale, devi assecondarlo perché anche quello è un bisogno. E se anche fosse solo un capriccio… Beh, in gravidanza ci può stare! Il punto, piuttosto, sta nelle porzioni. Meglio fare pasti piccoli e frequenti piuttosto che le grandi abbuffate: aiuta anche a tenere sotto controllo la nausea.

 

In questo lasso di tempo è importante prendersi cura del proprio corpo. Io per esempio applicavo una crema antismagliature sul pancione o dell’olio di mandorle dolci proprio per evitare la comparsa delle antiestetiche striature. Per natura sono un po’ pigra, per cui mi limitavo a fare delle belle passeggiate per evitare di mettere su troppi chili ma se la gravidanza è fisiologica non c’è nessuna controindicazione a praticare dell’attività fisica leggera. Fare sport fa bene al fisico ma soprattutto all’umore e sicuramente aiuta ad accettare meglio i cambiamenti del corpo.

 

Ma veniamo al dopo, cioè a quando quell’esserino che popolava l’”anguria” che avevi lì davanti esce fuori e, nonostante tutto, la pancia rimane ancora lì. Sei preoccupata che questo possa accadere anche a te? Sei in buona compagnia! Ricordo che una volta una signora mi chiese: “Quanti mesi le mancano al parto?” Nel risponderle, le indicai dentro l’auto la mia piccolina che se la dormiva bellamente. Eh sì, avevo partorito da oltre due mesi e sembravo ancora incinta!

 

Con il tempo i chiletti che mi erano rimasti addosso li ho smaltiti anch’io. Mi è bastato aspettare che la natura facesse il suo corso. Perché prima o poi, se non hai esagerato con l’aumento di peso in gravidanza e se ti muovi un po’, questo accade in modo molto spontaneo. Non ho seguito una dieta e non mi sono ammazzata di palestra come fanno molte vip, che un mese dopo aver dato alla luce i loro pargoli hanno la pancia ultrapiatta e gli addominali scolpiti. Personalmente, per dimagrire dopo il parto ho seguito questa semplice regola – il buon senso! -  oltre a farmi aiutare dal migliore alleato che una neomamma ha per smaltire i chili: l’allattamento. La produzione di latte richiede mediamente 500 calorie al giorno in più rispetto a quello che sarebbe il tuo normale fabbisogno. Per cui evviva l’allattamento, evviva la natura!

 

RUBRICA A CURA DI ILARIA CUZZOLIN



Giornalista, mamma e blogger, parla di risparmio, consigli per gli acquisti, rapporto con i bimbi, problemi di mamma e tanto altro.
MammaRisparmio.it - Facebook

 

Le 6 lady

Candida: un nemico del benessere intimo femminile

Mag 12, 2016 / Blue

E’ la micosi vaginale più frequente e fastidiosa, scopri come prevenire e curare la candidosi.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Seguimi sui social

mese del benessere intimo

 

Lo sapevi che…?

Eliminare tre grammi di sale al giorno contro ictus e infarto

Tre grammi di sale: un mucchietto piccolissimo dal punto di vista della quantità. Ma enorme dal punto di vista della qualità della vita. Basterebbe infatti eliminare tre grammi di sale al giorno dalla propria dieta, pari a mezzo cucchiaino, per ridurre del 20% il numero delle morti per ictus e del 15% quello relativo agli infarti. L’uso eccessivo di sale è una delle cause dell’ipertensione, il principale fattore di rischio delle malattie cardiovascolari. Per salare di meno si può ricorrere alle spezie. Le spezie danno un sapore deciso alle pietanze, aiutano a “sgrassare” la carne e il pesce e sono utili come digestivo. L’idea in più? Aggiungere un po’ di zenzero anche alla frutta e ai dolci!

Cistiset Advance
Ti piacerebbe ricevere
un consulto gratuito
per un PROBLEMA INTIMO?