Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.

facebook youtube2

Eta' Fertile

Il problema della irregolarità mestruale e in particolare dell'amenorrea (mancanza del ciclo mestruale) è molto complesso.
La regolarità del ciclo mestruale non è importante solo ai fini della funzione riproduttiva ma è fondamentale per il benessere della donna in termini di protezione dalle malattie cardiovascolari e soprattutto dall'osteoporosi. E' necessario avere almeno 4-5 cicli mestruali all'anno per produrre una minima quota di estrogeni indispensabili per mantenere la densità ossea.
Esclusa la gravidanza e un ipotiroidismo (nella maggior parte dei casi clinicamente ben evidente), la causa dell'amenorrea va ricercata a livello di una delle tre strutture implicate nel ciclo mestruale: 1) ovaio 2) ipofisi 3) ipotalamo.
Se dopo 3-7 giorni dalla fine della terapia con progesterone si ottiene una mestruazione, si può stabilire la causa della amenorrea nella anovulazione: l'ovaio lavora inizialmente producendo estrogeni dai follicoli, ma non arriva a selezionarne uno fino a dare l'ovulazione e quindi il corpo luteo. Senza corpo luteo non c'è progesterone e quindi l'endometrio non può completare il suo processo maturativo fino alla demolizione con la mestruazione. Se dopo il test al progesterone non si ottiene un sanguinamento allora possiamo pensare che l'ovaio non lavori affatto.
Per poter lavorare l'ovaio ha bisogno di ricevere ordini dalle gonadotropine prodotte dall'ipofisi. Il passo successivo è allora dosare nel sangue i livelli di FSH, LH ma anche di PRL (prolattina) Livelli normali o bassi di FSH e LH depongono per una insufficienza ipotalamo-ipofisaria: l'ovaio è normofunzionante ma non riceve un comando adeguato per lavorare (troppo scarso o qualitativamente alterato). In questo caso è possibile indagare radiologicamente l'ipofisi per verificarne eventuali alterazioni.
Nella maggior parte dei casi la causa della ridotta attività ipofisaria è un blocco da parte dell'ipotalamo del rilascio pulsatile del GnRH, l'ormone che ordina il rilascio di FSH e LH da parte dell'ipofisi. La perdita di peso, l'anoressia, lo stress fisico-lavorativo-emotivo, la mancanza di un normale ritmo sonno-veglia sono i principali responsabili di questa situazione
Una volta individuato il problema sarà poi possibile instaurare la terapia più opportuna.

 Leggi anche:
- In caso di cicli abbondanti in cui è consigliata la terapia con il progesterone, qual è il vantaggio

News del mese

  • I momenti no e il "cibo consolatore" ricordo d'infanzia +

    Tutte noi conosciamo bene i momenti no e il conforto che può derivare da un preciso cibo. Possiamo proprio parlare Read More
  • Soffri di emicrania? Anche i tuoi figli potrebbero esserne soggetti +

    L'emicrania colpisce circa il 9% degli under 12, è quindi una condizione molto diffusa tra i bambini, ma perché si Read More
  • 1

Siti amici

vidermina

schermata

schermata

I più letti

  • Enciclopedia "Salute Donna" +

    Non permettere alle tue conoscenze di svanire col tempo! Tieniti informata continuamente su quelle che sono le principali patologie o Read More
  • La Premenopausa +

    Il termine menopausa rappresenta un istante temporale, cioè l’arresto delle mestruazioni (la parola deriva dal greco men – mese- e pausis Read More
  • Il ciclo mestruale: le meno-metrorragie +

    La mestruazione caratterizza tutta la vita fertile della donna. In media la sua durata è di 5 giorni, compare ogni Read More
  • Cara amica +

    In questo sito “fatto dalle donne che dà voce alle donne” troverai ogni mese notizie aggiornate sulle tue esigenze di Read More
  • Questo mese parliamo di... +

    Approfondimenti, notizie dal mondo, curiosità… e in più, ogni mese, verrà trattata una particolare tematica di interesse comune. In particolare, Read More
  • 1
  • 2