Gravidanza in premenopausa: rara, ma non impossibile

Se il ciclo si riduce per intensità e durata si è in premenopausa? La gravidanza è possibile in premenopausa, e fino a quando? Tutte le risposte.

 

La GinecologaIl periodo che precede la menopausa, chiamato premenopausa o climaterio, è una fase di cui alcune donne nemmeno si accorgono, mentre altre cominciano ad avere dei disturbi fastidiosi. La sua lunghezza è variabile: può durare da pochi mesi fino a qualche anno.

 

Uno dei primi sintomi della premenopausa è l'irregolarità del ciclo mestruale, dovuta a una progressiva riduzione dell'attività follicolare ovarica, con perdite più scarse o molto più abbondanti e variabilità nella lunghezza del ciclo: si parla di polimenorrea quando i cicli diventano più frequenti e di oligomenorrea quando i cicli si diradano.

 

Man mano che l’età avanza, la fertilità diminuisce: se verso i 30 anni la probabilità di una gravidanza per ogni ciclo è circa il 30%, si dimezza con l’avvicinarsi dei 40 anni. Il tasso di infertilità aumenta con l'età: alla soglia dei 45 anni, fino all’87% delle donne risulta infertile.

 

Ma questo non significa che, se si è in premenopausa, non si possa rimanere incinta! I cicli mestruali possono essere anovulatori, o con fase luteale insufficiente, tuttavia fino alla menopausa vera e propria la fertilità viene comunque mantenuta.

 

La gravidanza in premenopausa è rara, ma non impossibile. Più che altro, è abbastanza rischiosa: oltre il 50% delle gravidanze, infatti, si concludono con un aborto soprattutto perché aumenta il tasso di anomalie cromosomiche.

 

Le 6 lady

Fare la mamma single? Una scelta difficile

Set 27, 2016 / Green

Sono incinta. L’ho scoperto da qualche giorno e da allora non faccio che piangere senza decidere come comportarmi. Sarò una mamma single? O rinuncerò? 

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Esiste una forma di emicrania “da aereo”

Un gruppo di ricercatori italiani ha identificato una forma di emicrania “da aereo”. Non è accompagnata da altri sintomi, ma il male è così intenso da far rinunciare addirittura a volare. Le ragioni non sono del tutto note. In sostanza, ci sarebbero organismi particolarmente sensibili che non riescono ad adattarsi automaticamente al cambio di pressione durante il decollo e l’atterraggio. La soluzione? Al momento solo una: chi ne soffre dovrebbe assumere un antidolorifico mezz’ora prima dell'atterraggio, che è la fase più a rischio. Altre forme curiose e poco comuni di cefalea sono: la cefalea da tosse, quella da week-end e quella associata all’attività sessuale che, quindi, esiste davvero ;-)

Cistiset Advance