Gravidanza in premenopausa: rara, ma non impossibile

Se il ciclo si riduce per intensità e durata si è in premenopausa? La gravidanza è possibile in premenopausa, e fino a quando? Tutte le risposte.

 

La GinecologaIl periodo che precede la menopausa, chiamato premenopausa o climaterio, è una fase di cui alcune donne nemmeno si accorgono, mentre altre cominciano ad avere dei disturbi fastidiosi. La sua lunghezza è variabile: può durare da pochi mesi fino a qualche anno.

 

Uno dei primi sintomi della premenopausa è l'irregolarità del ciclo mestruale, dovuta a una progressiva riduzione dell'attività follicolare ovarica, con perdite più scarse o molto più abbondanti e variabilità nella lunghezza del ciclo: si parla di polimenorrea quando i cicli diventano più frequenti e di oligomenorrea quando i cicli si diradano.

 

Man mano che l’età avanza, la fertilità diminuisce: se verso i 30 anni la probabilità di una gravidanza per ogni ciclo è circa il 30%, si dimezza con l’avvicinarsi dei 40 anni. Il tasso di infertilità aumenta con l'età: alla soglia dei 45 anni, fino all’87% delle donne risulta infertile.

 

Ma questo non significa che, se si è in premenopausa, non si possa rimanere incinta! I cicli mestruali possono essere anovulatori, o con fase luteale insufficiente, tuttavia fino alla menopausa vera e propria la fertilità viene comunque mantenuta.

 

La gravidanza in premenopausa è rara, ma non impossibile. Più che altro, è abbastanza rischiosa: oltre il 50% delle gravidanze, infatti, si concludono con un aborto soprattutto perché aumenta il tasso di anomalie cromosomiche.

 

Le 6 lady

Capelli fragili, che cadono: perché proprio a me?

Mag 23, 2016 / Violet

La tua capigliatura è un po’ stressata? Forse ha bisogno di un break dai trattamenti troppo aggressivi…

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

La celiachia può ostacolare il concepimento

Quando un bimbo non arriva, una delle cause potrebbe essere la celiachia, cioè un'intolleranza permanente al glutine presente nel frumento, nell’orzo, nella segale e nel farro. Non è ancora chiara la connessione, ma i dati dicono che, nelle pazienti con sterilità senza causa nota, la prevalenza della celiachia è di gran lunga maggiore rispetto alla popolazione generale: 4-8% (fonte AIC). Nelle donne celiache che non sanno di esserlo, e che non hanno escluso il glutine dalla dieta, si ha un accorciamento della durata della vita fertile e si manifestano con maggiore frequenza alterazioni del ciclo mestruale e lunghi periodi di amenorrea, fattori che mal si conciliano con il concepimento.

Cistiset Advance