Genitori ad alto contatto e la perfezione della natura

Cosa fa una #ladymamma ad alto contatto? Cerca di assecondare la natura, i bisogni dei suoi bambini e quell’istinto naturale che è dentro ognuno di loro.

 

Prima di diventare mamma non conoscevo affatto il mondo dei neonati e pensavo che piangessero ogni tanto; tipo una volta al giorno, per allenare un po’ le corde vocali. Inutile dire che quand’ero ancora in ospedale ho capito subito che le cose stavano diversamente e che i bambini piangevano se avevano fame, se avevano bagnato il pannolino, se avevano caldo, se avevano sonno o se erano scomodi.

 

Il pianto, per il bambino piccolo, è una forma di comunicazione. Noi parliamo, usiamo differenti toni di voce, loro invece piangono. Anche loro però lo fanno in modo diverso a seconda del tipo di richiesta.

 

Se però un bambino ha mangiato, ha dormito, è pulito ma continua a piangere… Allora che cos’è? Cosa non va? Come interpretare il suo pianto? Anche quel pianto risponde a un bisogno ben preciso, un bisogno insito in ognuno di noi: quello del contatto. Del resto non è un mistero che i bambini vogliano stare sempre in braccio alla mamma.

 

Ho avuto la fortuna di partorire a giugno, quando ormai faceva caldo, e dunque ho potuto rafforzare ancor più il bisogno di alto contatto della mia bimba, quello che in gergo si chiama “contatto pelle a pelle”. Ad aiutarmi in questa impresa - perché anche se parliamo di  appena 3-4 chili, a metà giornata si sentono tutti sulla schiena! – hanno contribuito le fasce portabebè.

 

Adesso la mia bimba ha tre anni e sono molto felice perché ho notato che, da allora, sono sempre di più le neomamme che incontro per strada e utilizzano le fasce. L’uso della fascia portabebè, che ancor più del marsupio “fonde” in un’unica persona la mamma e il bambino, viene altamente consigliato con i bimbi prematuri perché si è visto che i neonati che stanno a stretto contatto con la mamma, si fortificano più velocemente. La fascia, in fondo, è un po’ come continuare la gravidanza anche dopo la nascita del piccolo (la famosa esogestazione). Il babywearing - così si trova spesso in internet - è proprio uno dei capisaldi del maternage ad alto contatto.

 

Ma più precisamente, cosa significa essere genitori ad alto contatto? E’ un po’ il ritorno alle origini, quando le donne stavano a casa e avevano molto tempo da dedicare ai propri figli, ragion per cui li allattavano molto più a lungo.

 

Anche l’allattamento prolungato sta tornando di moda, se così si può dire, dopo il boom del latte artificiale degli anni passati. Chi è nato negli anni 70-80 è probabile che sia stato cresciuto con il latte in polvere, una scoperta dell’epoca che si pensava essere più nutriente del latte di mamma. Poi si è capito che le cose non stanno proprio così.

 

Noi genitori ad alto contatto, di solito, pratichiamo anche il co-sleeping, ovvero dormiamo assieme ai nostri bambini. Superati i primi mesi, quando la bimba era ancora molto piccola e avevamo paura di nuocerle durante il sonno, abbiamo cominciato a dormire tutti e tre nello stesso letto. Lo dico subito: il cosleeping non è per tutti, magari per te non è la soluzione migliore.  Però ti assicuro che il tempo passa in fretta e che poi quegli abbracci e persino quei calci in piena notte ti mancheranno!

 

Ricordo ancora il giorno in cui mia figlia è venuta da me – un mese prima di compiere tre anni – per dirmi: “Mamma, stasera faccio la nanna nella mia cameretta”. Il tutto è successo senza pianti e traumi, ma con molta naturalezza. Era arrivato il momento e lei lo aveva capito da sola.

 

Ecco, essere genitori ad alto contatto in fondo è proprio questo: seguire la natura, i suoi bisogni, e quell’istinto naturale che è dentro ogni bambino e che noi genitori dobbiamo provare ad assecondare.

 

 

RUBRICA A CURA DI ILARIA CUZZOLIN



Giornalista, mamma e blogger, parla di risparmio, consigli per gli acquisti, rapporto con i bimbi, problemi di mamma e tanto altro.
MammaRisparmio.it - Facebook

 

Le 6 lady

Cistite ricorrente: 7 consigli e rimedi naturali

Mag 23, 2016 / Blue

La cistite è un’infezione che colpisce soprattutto le donne. Scopri come tenerla alla larga con i giusti accorgimenti e alcuni efficaci rimedi naturali.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Seguimi sui social

 

Lo sapevi che…?

Eliminare tre grammi di sale al giorno contro ictus e infarto

Tre grammi di sale: un mucchietto piccolissimo dal punto di vista della quantità. Ma enorme dal punto di vista della qualità della vita. Basterebbe infatti eliminare tre grammi di sale al giorno dalla propria dieta, pari a mezzo cucchiaino, per ridurre del 20% il numero delle morti per ictus e del 15% quello relativo agli infarti. L’uso eccessivo di sale è una delle cause dell’ipertensione, il principale fattore di rischio delle malattie cardiovascolari. Per salare di meno si può ricorrere alle spezie. Le spezie danno un sapore deciso alle pietanze, aiutano a “sgrassare” la carne e il pesce e sono utili come digestivo. L’idea in più? Aggiungere un po’ di zenzero anche alla frutta e ai dolci!

Cistiset Advance