Anche durante l’allattamento è possibile rimanere incinta

Durante l’allattamento si può ovulare anche senza avere le mestruazioni. E capita più spesso di quanto si pensi.

 

Ebbene sì, durante l’allattamento si può rimanere incinta. Il fatto non è frequentissimo, anche perché i livelli di prolattina, pur non impedendo sempre l’ovulazione, possono comunque alterarne la qualità, rendendo l’ovocita meno abile alla fertilizzazione. Però succede.La Ginecologa

 

Per capirlo bisogna pensare al fatto che ciclo mestruale e ciclo ovarico, cioè l’attività dell’ovaio, non sono la stessa cosa. Proprio per questo, soprattutto quando le poppate cominciano a ridursi a 4-5 volte al giorno, è possibile ovulare senza che poi segua un regolare ciclo mestruale. Durante l’allattamento l’ovulazione può non essere regolare tutti i mesi, anzi, è spesso occasionale e imprevedibile.

 

Il problema è che a causa dell’alterato equilibrio ormonale non è possibile prevedere se e quando è avvenuta un’ovulazione basandosi solo sulle normali “percezioni” come l’aumento della temperatura corporea (che in corso di allattamento è già alterata) o la fluidificazione del muco cervicale.

 

Per capire quali sono i giorni fertili e il momento in cui si verifica l’ovulazione ci si deve basare sul picco di LH rilevato dagli stick sulle urine, ma anche qui c’è un problema: non avendo un ciclo mestruale non è possibile stabilire quale è il momento giusto per iniziare ad utilizzare gli stick e verificare una eventuale positivizzazione.

 

Insomma, il presunto periodo fertile – se c’è - è difficile da trovare. Quindi il consiglio per chi cerca una nuova gravidanza è quello di avere rapporti regolari 2-3 volte la settimana anziché concentrati in un breve periodo. Per chi non la cerca, è quello di utilizzare un metodo anticoncezionale compatibile con l’allattamento in corso.

Le 6 lady

Che bello diventare grande

Nov 14, 2016 / Blue

Fisicamente mi sento un rottame, complici le mille emozioni dell’ultimo periodo. Ma crescere e diventare autonoma si sta rivelando una sfida tutta da vivere.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Un’arma in più contro il tumore al seno? I pomodori

Secondo alcuni studi, una dieta ricca di pomodori avrebbe un forte impatto sugli ormoni che, indirettamente, proteggono dal cancro alla mammella. Il licopene contenuto nel pomodoro potrebbe infatti favorire la crescita dei livelli di un ormone importante per il controllo del peso e del metabolismo di grassi e zuccheri. Il rischio di cancro al seno è associato, tra l’altro, proprio a condizioni di sovrappeso e obesità. Riuscire a controllarli attraverso la dieta potrebbe, quindi, aiutare nella prevenzione di questo tumore. La diagnosi precoce, ovvero l’attenzione a sottoporsi a visite e screening a seconda dell’età, ad esempio la mammografia, resta comunque la migliore arma di prevenzione.

Cistiset Advance