• 09 Giugno 2016

Due settimane di stress e ansia. Risultato: stitichezza

E’ proprio vero quando dicono che l’intestino è il nostro secondo cervello: se hai la testa troppo piena, si ottura anche lui!

 

PinkLe ultime due settimane sono state incredibilmente stressanti, mi sentivo come una trottola che girava da una parte all’altra senza potermi fermare un minuto per rilassarmi. Con il mio staff ci siamo occupati di curare il lancio del primo CD di un giovane rapper su cui puntiamo molto. Il che ha significato organizzare una serie di eventi e presentazioni a strettissimo giro di boa. Io ho dovuto coordinare le conferenze stampa, le interviste televisive e radiofoniche… Una roba da uscire fuori di testa!

 

Conseguenze? Ho la faccia piena di brufoli e l’intestino in disordine per aver mangiato sempre e solo tramezzini, caffè e un sacco di stuzzichini e finger food che però non potrei definire propriamente cibo. Non vedo il mio fidanzato da quasi 10 giorni, sono in astinenza da coccole, e in più mi devono arrivare le mestruazioni. Quindi so già che, quando ci vedremo, sarò in pieno ciclo, a meno che per il troppo stress mi ritardino. Ma a parte questo, sono in piena crisi di nervi da… Costipazione!

 

So bene che si tratta di stitichezza da stress e che basteranno un po’ di riposo e di dieta light per rimettermi in sesto ma, come ho detto ieri a mia mamma, mi ci vorrebbe un tir di prugne secche per liberarmi!!!

 

Di stipsi ho sempre sofferto, ma mai come stavolta: in pratica sono “tappata” da una settimana. Ho anche pensato di ricorrere ai mezzi estremi per i mali estremi: i lassativi. L’unica cosa che mi ha fermato è stata la paura di ottenere l’effetto opposto e di ritrovarmi in bagno in preda alle coliche nel bel mezzo di un’intervista. Insomma, alla fine ho fatto l’unica cosa ragionevole che mi restava da fare, cioè telefonare alla mia dottoressa che, per fortuna, questa mattina è stata super disponibile per un consulto al volo.

 

La Ginecologa

Beatrice non si preoccupi! Il tipo di stitichezza che la affligge è molto comune nelle donne che hanno ritmi di vita intensi. L’intestino lo deve immaginare come un “animaletto” molto sensibile, che quando si sente troppo sotto pressione si rifugia in un comodo letargo… Inoltre in piena fase premestruale è normale avere un po’ di costipazione.

 

Sì, ok, tutto facile. Ma io voglio andare in bagno!!!

 

Dovrò seguire alla lettera i consigli che mi ha dato e spero, così facendo, che le cose migliorino a breve: mi ha detto, sia per rimettere in sesto l’intestino sia per affrontare meglio l’arrivo del ciclo, di bere molta acqua, di fare un po’ di ginnastica al mattino prima di colazione e, dopo, assumere fibre come cereali integrali, crusca e frutta fresca, soprattutto kiwi, una banana matura o agrumi. Ogni tanto dovrò fare uno spuntino light, ad esempio una manciata di noci, una mela biologica con la buccia o uno yogurt al naturale e mangiare pasta integrale al posto di quella bianca, meglio ancora se seguita da un bel piato di insalata cruda o di verdure cotte. Prima di andare a letto potrò prendere una camomilla calda con miele. Nei prossimi giorni dovrò anche cercare di evitare i pasti fuori casa e, se proprio sarò costretta a mangiare al lavoro, sceglierò un’insalata di verdure con legumi o cereali lessati al posto dei soliti panini.

 

E se, anche così facendo, non riuscirò a liberarmi?

 

La Ginecologa

Una supposta alla glicerina e non ci pensa più! Ma mi raccomando, solo se necessario… Giusto una tantum.

 

La mia dottoressa è un mito: mi sento già più leggera!

 

Le 6 lady

Quel fastidioso prurito intimo

Mar 14, 2016 / Blue

Il prurito intimo può avere cause diverse e soprattutto se hai la pelle sensibile, delicata e facile alle irritazioni dovresti stare molto attenta all’igiene e agli indum...

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

mese del benessere intimo

 

Lo sapevi che…?

Un’arma in più contro il tumore al seno? I pomodori

Secondo alcuni studi, una dieta ricca di pomodori avrebbe un forte impatto sugli ormoni che, indirettamente, proteggono dal cancro alla mammella. Il licopene contenuto nel pomodoro potrebbe infatti favorire la crescita dei livelli di un ormone importante per il controllo del peso e del metabolismo di grassi e zuccheri. Il rischio di cancro al seno è associato, tra l’altro, proprio a condizioni di sovrappeso e obesità. Riuscire a controllarli attraverso la dieta potrebbe, quindi, aiutare nella prevenzione di questo tumore. La diagnosi precoce, ovvero l’attenzione a sottoporsi a visite e screening a seconda dell’età, ad esempio la mammografia, resta comunque la migliore arma di prevenzione.

Cistiset Advance
Ti piacerebbe ricevere
un consulto gratuito
per un PROBLEMA INTIMO?