Diventare mamma, ecco l’età giusta

In Italia si diventa mamme molto tardi. Anche a me è successo così. E ti spiego quando ho capito che era arrivato il mio momento.

 

C'è un momento giusto per diventare mamma? È una di quelle domande da un milione di dollari che non contempla un'unica risposta universalmente valida. La verità è che, soprattutto la prima volta, non ti senti mai pronta. Le incognite, i dubbi sono così tanti che una futura mamma potrebbe aver passato la vita intera a “prepararsi” senza sentirsi mai pronta. 


La risposta corretta alla domanda iniziale, forse, è questa: "Dipende!". Da cosa? Da tante variabili. Per esempio dal percorso di vita che hai avuto, dalle esperienze che hai fatto, dalla tua situazione lavorativa, dal tuo rapporto di coppia (anche se questo punto sembra sempre meno importante di questi tempi) e anche dal caso

Certo, avere un figlio non dovrebbe mai essere un caso, eppure capita ancora di rimanere incinta senza che l'evento fosse stato programmato. A me è successo così. Anche se, oggi, col senno di poi, dico che non si sia trattato di una semplice fatalità. Sappiamo tutti come si fanno i bambini e il fatto che né io né mio marito avessimo preso delle precauzioni adeguate, è perché in fondo, noi, quella bambina la volevamo. 

Ragion per cui non ho vissuto l'arrivo della cicogna come un "ostacolo", un possibile intralcio ai miei sogni. Avevo 33 anni e sentivo di essere pronta. Avevo fatto le mie esperienze, avevo avuto diverse storie d’amore, viaggiato, lavorato sodo, conosciuto le nottate milanesi in tutte le sue forme, fino a non poterne più. Sentivo che quella me non mi bastava più!

Ecco, credo che idealmente un figlio dovrebbe arrivare in questa fase di vita; quella in cui senti di aver vissuto, sperimentato abbastanza, quella in cui senti di volerti prendere una pausa da quell'acceleratore sempre pigiato al massimo.

Sarà per questo che molte donne decidono di diventare mamme sempre più in là con l'età? E’ anche il tuo caso? Pensa che in Italia l'età media in cui si diventa madri la prima volta è di 30,7 anni (guadagnando così il primato di Paese europeo dove si comincia più tardi a far figli).

Un dato non così negativo se non fosse legato anche alla crisi economica che ha attraversato con i relativi strascichi la nostra società. A 30 anni, in teoria, si dovrebbe essere più consapevoli e mature. In una parola, più pronte ad affrontare le tante responsabilità conseguenti la nascita di un figlio. Perché la vita cambia radicalmente con l'arrivo di un figlio, inutile negarlo.

D'altro canto un figlio richiede anche un pizzico di incoscienza. Perché il lavoro dei tuoi sogni non sarà mai esattamente come lo volevi; perché, in teoria, i soldi non basteranno mai e perché, come dicevo all'inizio, nessuna futura mamma si sentirà mai veramente pronta di fronte a una nuova vita.

Io pure, in attesa del secondo, mi sento una novellina. Quindi il mio consiglio, nel caso tu ti senta un po’ spaventata, è quello di buttarti perché l’amore che riceverai in cambio dai tuoi figli, ti aiuterà a spazzare via eventuali timori o rimpianti.

 

RUBRICA A CURA DI ILARIA CUZZOLIN



Giornalista, mamma e blogger, parla di risparmio, consigli per gli acquisti, rapporto con i bimbi, problemi di mamma e tanto altro.
MammaRisparmio.it - Facebook

 

Le 6 lady

10 cose da sapere sull’igiene intima quotidiana

Mag 02, 2016 / Violet

Consigli e accortezze utili per preservare il tuo benessere intimo e farti sentire sempre fresca e a posto, durante tutto il ciclo mensile.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Seguimi sui social

 

Lo sapevi che…?

Sei felice? Ce l’hai scritto nei geni

Essere felice è scritto nei tuoi geni, ovvero nel tuo Dna. La cosa curiosa è che, secondo alcuni studi, il fatto che l’attività più o meno intensa di questo gene sia associata alla capacità di provare allegria e serenità esiste solo nelle donne che, non a caso, sono più soggette a sbalzi d’umore rispetto agli uomini. Ma al di là delle questioni genetiche, ci sono piccoli segreti per essere felici che valgono per tutti: concentrarsi sulle cose belle che accadono ogni giorno, senza pensare a ciò che sarà domani. E focalizzarsi su obiettivi concreti, non nutrire aspettative su quelli astratti, che magari non sono realizzabili. Del resto, come disse Trilussa, La felicità è una piccola cosa.”

Cistiset Advance