Desideri un figlio? Preparati per tempo

Se si vuole intraprendere una gravidanza vale la pena sottoporsi a un colloquio e a una visita con il ginecologo.

 

Il consiglio vale soprattutto se si soffre di malattie croniche come ad esempio il diabete, perché lo specialista possa valutare lo stato di salute della futura mamma e farle intraprendere le cure più adeguate. La Ginecologa

Lo stesso vale se si hanno infezioni in corso, a maggior ragione ai genitali.

Ma anche per chi non ha problemi manifesti è raccomandabile, prima ancora del concepimento, cominciare a prendere un integratore di acido folico, una vitamina molto importante per lo sviluppo del feto e per portare a termine una gravidanza in salute, che però non riesce ad essere assunta nelle giuste quantità solo attraverso l’alimentazione. Il ginecologo potrà dare ottimi consigli anche per quanto riguarda la dieta per la fertilità, lo stile di vita e le norme igieniche da adottare durante i 9 mesi di gestazione.

Un ultimo, ma non per questo meno importante motivo per cui rivolgersi allo specialista è per valutare eventuali problematicità nel concepimento. E’ vero che le cause di infertilità sono per lo più maschili, ma in un terzo dei casi le difficoltà a procreare sono da attribuire alla donna. E se la cicogna tarda ad arrivare, alla base possono esserci disturbi del ciclo mestruale e anovulazione, problemi endocrini, come ad esempio un cattivo funzionamento della tiroide, anomalie del collo dell'utero, disturbi delle tube di Falloppio, infezioni, malattie sessualmente trasmesse ed endometriosi, tutte condizioni che vanno analizzate e trattate caso per caso.

  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Per ossa in salute bevi più acqua e meno bibite gassate

In Italia milioni di donne over 40 soffrono di osteoporosi o di fragilità ossea. E l’alimentazione scorretta è uno dei principali fattori di rischio per questa grave malattia che, purtroppo, si manifesta solo quando ormai la perdita di massa ossea è significativa. Tra le abitudini alimentari dannose c’è anche l’abuso di bevande gassate. Le bibite zuccherate in lattina o in bottiglia contengono acido fosforico, un vero e proprio “rapinatore” di calcio dalle ossa. Altri nemici dello scheletro sono l’alcol e il caffè. I consigli sono di bere acqua, limitare il più possibile le bibite, evitare i superalcolici e concedersi al massimo 1-2 bicchieri al giorno di vino o birra e 3 tazzine al giorno di caffè.

Cistiset Advance