Dalla parte dell’ambiente: mai buttare gli assorbenti nel wc!

Il wc non è un buco nero dove gettare di tutto. Tamponi e assorbenti possono creare problemi alle tubature e all’ambiente. Ecco perché vanno smaltiti correttamente.

 

Probabilmente ti è capitato, magari tanti anni fa quando eri una ragazzina alle prese con i suoi primi assorbenti interni, magari in un bagno pubblico da cui sei scappata per non tornare mai più: hai buttato il tampone nel wc.

 

 

Se l’hai fatto, non farlo più. Perché le conseguenze di uno scarico intasato da assorbenti gonfi d’acqua sono facilmente immaginabili, dal momento che sono fatti apposta per imbeversi di liquido. Per non parlare del materiale plastico che compone gran parte dei prodotti tradizionali, che certamente non è biodegradabile.

 

A te sarà capitato una volta soltanto e ne siamo sicuri. A un’ecologista convinta come Stefania probabilmente mai. Il problema è che molte altre donne, invece, questa semplice norma di buon senso e civiltà la ignorano o non la rispettano, e questo nonostante le innumerevoli avvertenze che si trovano nei bagni pubblici (”Non gettare gli assorbenti igienici nel wc” e simili).

Lady

 

E’ soprattutto a loro che vogliamo spiegare bene cosa succede a disfarsi dell’assorbente usato semplicemente tirando lo sciacquone. Qualunque assorbente, di qualunque materiale, anche se organico (e quindi realizzato in cotone al 100%), non è biodegradabile nell’acqua. Non si scioglie come per magia, non come la carta igienica, che è l’unico materiale non direttamente prodotto dal nostro corpo che sia fatto apposta per disfarsi nell’acqua.

 

Le fibre sintetiche di un prodotto come un assorbente, e ancor di più una fibra naturale come il cotone che assorbe molto di più (ed è per questo che garantisce una freschezza e un asciutto molto maggiori), hanno proprio la funzione, come dice il nome stesso, di assorbire i liquidi, aumentando il loro volume iniziale. Nell’acqua del wc diventeranno così una grossa palla, difficile da mandar giù attraverso un passaggio tutto sommato ristretto come quello di una normale toilette. Risultato: prima o poi o si spacca il water o si spaccano le tubature o entrambi. Nella migliore delle ipotesi si intasa il wc, e poi qualcuno – magari proprio chi ha gettato l’assorbente - dovrà occuparsi di asciugare, pulire e sistemare. Un’operazione sicuramente poco piacevole per chiunque, o no?

 

 

Quindi se per caso prima di leggere questo articolo hai pensato “Non è un mio problema perché io uso solo assorbenti green, quindi li getto nel wc tranquillamente”, ecco, non pensarlo più. Perché non è solo una questione di degradabilità ma, appunto, di rispetto delle cose - anche se si tratta di un wc pubblico! - e delle persone che devono occuparsi di tenerle in ordine.

 

Quello che puoi fare con i tuoi assorbenti usati in cotone al 100% (se non sono presenti materiali sintetici) è gettarli nel bidone dell’umido. Se invece utilizzi assorbenti misti, con parti in plastica, allora dovrai giocoforza buttarli nel bidone del secco residuo o indifferenziato. Se ti trovi in un bagno pubblico o in quello di un locale o di un ufficio, potrebbero essere disponibili dei sacchetti di carta con la scritta “contenitore igienico per signora”: usali per inserirvi all’interno l’assorbente o il tampone e poi gettali nell’apposito cestino. Il cestino non c’è? Ebbene, questi sacchetti sono molto resistenti e fatti apposta proprio per poter aspettare il primo disponibile. Quindi non hai scuse, puoi tenerli in borsetta anche più di qualche minuto.

 

In pratica quello che stiamo dicendo è di fare attenzione ai termini, che talvolta possono essere fuorvianti. Per capirci, riciclabile non è un sinonimo di biodegradabile. Questo significa che un assorbente in materiale organico come il cotone e la cellulosa al 100% può essere compostabile, e pertanto va gettato nell’umido, ma non si degrada in modo naturale nelle fogne come posso fare i nostri residui organici. Del resto, per lo stesso motivo non vanno gettati nel water neppure i torsoli delle mele o i resti del cibo appena mangiato!

 

Con un semplice gesto si può davvero fare la differenza in termini di eco sostenibilità e rispetto per l’ambiente. Ma il gesto ha anche una forte valenza civica, che è tanto più valido per una madre dal cui esempio dipendono analoghi gesti di una figlia adolescente alle prese con le sue prime mestruazioni.

 

Ci sono moltissimi vantaggi nel nascere donne in questa epoca, e uno di questi ha a che fare con l’igiene delle mestruazioni. Soprattutto per chi, come noi, ha il privilegio di avere facile accesso ai migliori dispositivi igienici progettati per il ciclo. Li conosciamo, i nostri assorbenti: sono comodi, ci fanno sentire a nostro agio e pulite anche quando facciamo attività fisica o ci agghindiamo per una cerimonia, sono dei veri amici. Ma abbiamo il dovere, una volta che abbiano assolto egregiamente al loro compito, di disfarcene nel modo corretto.

 

Che non è quello di tirare lo sciacquone.

 

 

Con la collaborazione di Lady Presteril, la gamma completa di assorbenti 100% cotone dentro e fuori.

Assorbenti Lady Presteril

Sensibilmente... Lady Presteril!

 

Tutti i vantaggi del cotone:

  • Massima traspirabilità e assorbenza
  • No cattivi odori
  • Previene l’aumento di temperatura e umidità
  • Ipoallergenicità
  • Rispetta il pH fisiologico della pelle
  • Previene la formazione dei batteri
  • Riduce i rischi di irritazioni e prurito intimo
  • Morbidezza e comfort

 

Gli assorbenti Lady Presteril sono gli unici con il nuovo ed esclusivo filtrante hi-dry catturaflusso in 100% cotone per un asciutto mai provato prima.

Il cotone utilizzato da Lady Presteril non viene sbiancato con il cloro.

Le 6 lady

Un figlio da rieducare, una lezione per tutta la famiglia

Set 27, 2016 / Violet

Mio figlio è diventato cattivo, prende di mira chi è più debole di lui. Ed io, presa dai miei mille impegni, non mi sono mai accorta di niente… Ora cosa faccio? ...

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

mese del benessere intimo

 

Lo sapevi che…?

Migliore o peggiore? No, diverso. E’ il cervello femminile

Sei più multitasking di tuo marito? Certo, sei una donna! E lui è più bravo di te nel leggere le mappe? Ovvio, è un maschio! Ebbene, quelli che una volta erano dei luoghi comuni sono stati dimostrati scientificamente. Esistono differenze tra uomini e donne, risultato di effetti avvenuti nel corso di millenni e che coinvolgono la genetica, gli ormoni, il cervello, e che non implicano alcun giudizio di inferiorità o superiorità. In generale, il cervello dell'uomo segue schemi più basati sulla razionalità, mentre nella donna il funzionamento sarebbe maggiormente di tipo intuitivo. Nell'uomo, inoltre, il funzionamento dei circuiti nervosi è più rigido, mentre è più plastico nella donna.

Cistiset Advance
Ti piacerebbe ricevere
un consulto gratuito
per un PROBLEMA INTIMO?