Correre di sera: vinci la paura del buio

Scopri come fare running e sentirti sicura anche quando cala la notte.

 

Ciao #ladyrunner, come sono andate le corse mattutine? Sono certa che ormai svegliarti presto per correre non è più un problema per te. Hai imparato a capire come orientarti alle prime ore dell’alba. Che ne dici ora di imparare i segreti per correre di sera?

 

E per sera non intendo le 18.00 o le 19.00, orari preferiti da chi indossa le scarpette appena finita la giornata lavorativa. Chi ama correre di sera, sceglie spesso le 21.00 o anche le 22.00. E anche se può sembrare un orario strano per fare sport, come sempre ci sono dei pro e contro.

 

Innanzitutto, se non hai altri momenti liberi nel corso della giornata e proprio non puoi correre al mattino, che in realtà è il momento migliore perché ti “veste” di buonumore (e poi il fisico brucia di più e continua a bruciare nel corso della giornata), allora la soluzione è optare per gli orari della sera.

 

Correre la sera in estate è anche un buon metodo per aggirare l’afa; mentre nei mesi più freddi, basta coprirsi di più: indossare un paracollo, un paio di guanti leggeri e un paio di maglie tecniche e lasciarsi “avvolgere” dalla notte.

 

Già. Perché è questa la cosa a cui devi davvero stare attenta. La bellezza di correre a conclusione della giornata, quando puoi rilassarti e goderti il momento di sport e benessere non deve lasciare spazio ad un calo di attenzione nei confronti di quello che ti circonda. Con il buio, le condizioni di sicurezza diminuiscono e devi porre maggiore attenzione a quello che ti circonda.

 

Ti lascio qualche consiglio:

  • Evita di indossare capi in nero. Scegli piuttosto una maglietta colorata, magari fluorescente che ti renda visibile, chiaramente adatta allo sport
  • Non andare a correre da sola, ma vai con altri runner
  • Se corri da sola, evita di utilizzare gli auricolari: ascolta i rumori che ti circondano, il sopraggiungere di auto, moto, biciclette
  • Fai percorsi conosciuti, non ti addentrare nei parchi o in vie buie e resta vicino a casa

 

E quando rientri a casa? Una bella doccia tiepida e una tisana non troppo calda che ti permettano subito di smaltire l’adrenalina e ristabilire la giusta idratazione del corpo. Essendo ormai tardi, evita di attardarti ancora di più al cellulare. Spegni qualsiasi device elettronico, tv compresa, e rilassa corpo e mente. Vedrai che anche se l’effetto della corsa si prolunga sul corpo per un po’ e ti sembrerà di essere ancora in movimento, non sarà poi così difficili riuscire ad addormentarti.

 

RUBRICA A CURA DI RAFFAELLA CAGNAZZO



Giornalista e blogger. Appassionata runner e apprendista fotografa; instancabile viaggiatrice; velista entusiasta.
MyBlackSunglasses.com - Instagram

 

 

Le 6 lady

Esigente fa rima con… assorbente!

Mag 23, 2016 / Violet

Quando si parla di mestruazioni e assorbenti, hai tutto il diritto di proteggere la tua salute intima e di coccolarti soprattutto nei giorni di maggior disagio. ...

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Seguimi sui social!

 

Lo sapevi che…?

pH vaginale? Meglio acido

Il pH misura il grado di acidità (da 0 a 7) o di basicità (da 7 a 14) dei liquidi biologici e dei tessuti. In età fertile il pH vaginale è acido, cioè compreso tra 4,5 e 5. Gli ormoni estrogeni stimolano infatti la produzione di glicogeno, uno zucchero che viene trasformato dalla flora batterica in acido lattico, sostanza che mantiene stabile il pH. L'acidità è importantissima per il benessere dell'ecosistema vaginale: in queste condizioni, infatti, i germi patogeni non riescono a moltiplicarsi, con minore probabilità di sviluppare infezioni intime. Può bastare un prodotto sbagliato per alzare l'acidità delle mucose genitali, indebolire i lattobacilli e spianare la strada ai germi patogeni.

Cistiset Advance