Correre di sera: vinci la paura del buio

Scopri come fare running e sentirti sicura anche quando cala la notte.

 

Ciao #ladyrunner, come sono andate le corse mattutine? Sono certa che ormai svegliarti presto per correre non è più un problema per te. Hai imparato a capire come orientarti alle prime ore dell’alba. Che ne dici ora di imparare i segreti per correre di sera?

 

E per sera non intendo le 18.00 o le 19.00, orari preferiti da chi indossa le scarpette appena finita la giornata lavorativa. Chi ama correre di sera, sceglie spesso le 21.00 o anche le 22.00. E anche se può sembrare un orario strano per fare sport, come sempre ci sono dei pro e contro.

 

Innanzitutto, se non hai altri momenti liberi nel corso della giornata e proprio non puoi correre al mattino, che in realtà è il momento migliore perché ti “veste” di buonumore (e poi il fisico brucia di più e continua a bruciare nel corso della giornata), allora la soluzione è optare per gli orari della sera.

 

Correre la sera in estate è anche un buon metodo per aggirare l’afa; mentre nei mesi più freddi, basta coprirsi di più: indossare un paracollo, un paio di guanti leggeri e un paio di maglie tecniche e lasciarsi “avvolgere” dalla notte.

 

Già. Perché è questa la cosa a cui devi davvero stare attenta. La bellezza di correre a conclusione della giornata, quando puoi rilassarti e goderti il momento di sport e benessere non deve lasciare spazio ad un calo di attenzione nei confronti di quello che ti circonda. Con il buio, le condizioni di sicurezza diminuiscono e devi porre maggiore attenzione a quello che ti circonda.

 

Ti lascio qualche consiglio:

  • Evita di indossare capi in nero. Scegli piuttosto una maglietta colorata, magari fluorescente che ti renda visibile, chiaramente adatta allo sport
  • Non andare a correre da sola, ma vai con altri runner
  • Se corri da sola, evita di utilizzare gli auricolari: ascolta i rumori che ti circondano, il sopraggiungere di auto, moto, biciclette
  • Fai percorsi conosciuti, non ti addentrare nei parchi o in vie buie e resta vicino a casa

 

E quando rientri a casa? Una bella doccia tiepida e una tisana non troppo calda che ti permettano subito di smaltire l’adrenalina e ristabilire la giusta idratazione del corpo. Essendo ormai tardi, evita di attardarti ancora di più al cellulare. Spegni qualsiasi device elettronico, tv compresa, e rilassa corpo e mente. Vedrai che anche se l’effetto della corsa si prolunga sul corpo per un po’ e ti sembrerà di essere ancora in movimento, non sarà poi così difficili riuscire ad addormentarti.

 

RUBRICA A CURA DI RAFFAELLA CAGNAZZO



Giornalista e blogger. Appassionata runner e apprendista fotografa; instancabile viaggiatrice; velista entusiasta.
MyBlackSunglasses.com - Instagram

 

 

Le 6 lady

Assorbente interno? No problem!

Giu 09, 2016 / Blue

Di solito eviti di usare i tamponi interni perché sei vulnerabile alle infezioni intime? Quello che devi sapere è che, se lo usi correttamente, non hai di che temere. ...

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Seguimi sui social!

 

Lo sapevi che…?

Contro l’influenza gli antibiotici non servono

Gli antibiotici sono stati un’invenzione che ha permesso di salvare milioni di vite. Con il passare degli anni, però, questi farmaci sono stati utilizzati in modo scorretto, facilitando l’insorgenza di resistenze: in pratica, i batteri che avrebbero dovuto essere debellati hanno imparato a sopravvivere alle terapie. Ecco perché è importante non abusare mai di questi medicinali ma prenderli solo quando serve, seguendo esattamente le indicazioni del medico. Contro l’influenza, ad esempio, non servono: gli antibiotici combattono i batteri, non i virus. E l’influenza è un’infezione causata da virus. L’unico caso in cui possono essere utili è quando vi sia una complicanza batterica della malattia.

Cistiset Advance