Ciclo mestruale breve o assente da mesi: menopausa in arrivo?

Mestruazioni assenti da qualche mese o flusso ridotto che dura solo pochi giorni non sempre sono segnali di menopausa. Ecco perché.

 

La menopausa è l'evento fisiologico che nella donna corrisponde al termine del ciclo mestruale e dell'età fertile a causa della cessazione dell’attività ovarica. Compare in media tra i 50 e i 52 anni ma, in chi sia predisposta geneticamente, può insorgere prematuramente anche dopo i 40 anni. La diagnosi consiste nell’assenza del ciclo mestruale per almeno un anno, ovvero 12 mesi consecutivi. Quindi, no, non avere le mestruazioni da qualche mese non significa essere in menopausa.

La Ginecologa

 

Questa fase è preceduta da un periodo chiamato premenopausa, che può durare da pochi mesi fino a qualche anno, in cui possono manifestarsi una serie di segnali tra i quali c’è il cambiamento del flusso mestruale, che può diventare più breve e leggero. I segnali più importanti, tuttavia, sono la riduzione nella durata del ciclo, che può accorciarsi a 22-24 giorni, e l’irregolarità mestruale, ovvero la donna può avere cicli più brevi o lunghi con periodi di amenorrea, ovvero assenza anche di diversi mesi. Insomma, la quantità di sangue che viene perso con la mestruazione non è un problema significativo: il flusso può durare tre giorni o anche un solo giorno, l’importante è che si manifesti con una sua regolarità.

 

Se c’è una familiarità per una menopausa prematura, allora le irregolarità e i cambiamenti del flusso in un’età attorno ai 45 anni possono rappresentare la premenopausa, altrimenti potrebbe trattarsi solo di un cambiamento ormonale temporaneo, magari correlato a qualche altra modificazione delle abitudini di vita.

 

Le 6 lady

La convivenza: quanti dubbi!

Set 27, 2016 / Blue

Vado a vivere con il mio ragazzo. Ma sono davvero pronta a fare questo passo, ad avere una famiglia, un domani magari un figlio? Voglio crederci, dico sì!

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Esiste una forma di emicrania “da aereo”

Un gruppo di ricercatori italiani ha identificato una forma di emicrania “da aereo”. Non è accompagnata da altri sintomi, ma il male è così intenso da far rinunciare addirittura a volare. Le ragioni non sono del tutto note. In sostanza, ci sarebbero organismi particolarmente sensibili che non riescono ad adattarsi automaticamente al cambio di pressione durante il decollo e l’atterraggio. La soluzione? Al momento solo una: chi ne soffre dovrebbe assumere un antidolorifico mezz’ora prima dell'atterraggio, che è la fase più a rischio. Altre forme curiose e poco comuni di cefalea sono: la cefalea da tosse, quella da week-end e quella associata all’attività sessuale che, quindi, esiste davvero ;-)

Cistiset Advance