• 12 Maggio 2016

Candida: un nemico del benessere intimo femminile

E’ la micosi vaginale più frequente e fastidiosa, scopri come prevenire e curare la candidosi.

Blue

Prurito e bruciore, arrossamento, dolore durante i rapporti sessuali e quelle perdite che ti imbarazzano così tanto, soprattutto se con il tuo ragazzo hai ancora scarsa confidenza, sono i sintomi di una delle più comuni infezioni intime che colpiscono le donne: la micosi da Candida. Seppur non grave, la candidosi è però fastidiosa soprattutto per quelle secrezioni diverse rispetto al muco vaginale sano che non ti crea nessun problema. Tali perdite sono abbondanti, biancastre, hanno una consistenza densa, simile alla ricotta, e un odore non sgradevole ma caratteristico di lievito.

 

La particolarità delle infezioni fungine come questa, che è provocata da un microscopico fungo chiamato Candida albicans, è che la “coltivi” da te, non c’è necessariamente bisogno di contrarla dall’esterno, ad esempio attraverso un rapporto sessuale non protetto come una qualunque malattia venerea. I miceti come la Candida fanno parte di quella variegata popolazione di microrganismi che abitano le tue mucose intime e intestinali, generando vere e proprie colonie che convivono in perfetto equilibrio tra di loro.

 

La microflora batterica e fungina del tuo organismo è una componente fondamentale del tuo sistema immunitario e in generale non te ne devi preoccupare. I problemi sorgono quando viene “sterminata”, ad esempio a causa di una cura antibiotica. A quel punto diventi subito vulnerabile alle aggressioni patogene di qualunque altro microrganismo esterno. Gli antibiotici hanno infatti un’azione battericida, e quindi agiscono solo su questo tipo di germi, mentre non hanno nessun effetto sui funghi o sui virus. In condizioni di equilibrio, quando la microflora intima è in perfette condizioni, batteri e funghi non si fanno la guerra, ma vivono in pace. Ma quando questa condizione viene alterata, i batteri soccombono e i funghi aumentano in proporzione, prendendo il sopravvento e provocando fastidi. Insomma, ecco il paradosso: una terapia antibiotica aggressiva debella i batteri cattivi, ma tu ti ritrovi poco dopo a dover fare i conti con la proliferazione del fungo della Candida.

 

Tra le altre cause di questo squilibrio della flora batterica delle zone intime puoi trovare:

 

  • Calo delle difese immunitarie per stress
  • Cattiva alimentazione troppo ricca di lieviti e zuccheri (sostanze di cui la Candida albicans si nutre)
  • Igiene insufficiente o eccessiva (detergenti aggressivi possono alterare il pH naturalmente acido della vagina rendendolo terreno fertile per le micosi)
  • Fluttuazioni ormonali che sono più facili in periodi della vita particolari come la gravidanza o la menopausa

 

Come magari anche tu ben sai, perché ne soffri di frequente nonostante presti abbastanza attenzione alla tua salute, come Simona, l’infezione da Candida tende a recidivare, poiché i miceti diventano progressivamente più resistenti alle cure. Pensa che, secondo recenti stime, circa il 75% delle donne ha avuto almeno un episodio di candidosi vaginale una volta nella vita e il 45% due o più episodi! E’ perciò naturale parlarne con le amiche, e non devi certo vergognarti, perché più trascuri il problema, peggiori saranno i sintomi.

 

Cosa puoi fare in concreto? Sicuramente farti visitare dal ginecologo, al quale basterà un semplice tampone vaginale per effettuare la diagnosi e proporti il più idoneo trattamento. Come si cura la candidosi? Con l’assunzione di antimicotici per via orale e, se necessario, l’applicazione di ovuli in vagina. Ma questo potrebbe non bastare, nel senso che l’infezione tende e ripresentarsi se persiste una condizione di squilibrio nelle zone intime. Ecco dunque che agire di prevenzione diventa importante per combattere la candidosi:

 

  • Modifica la tua dieta. Dai un bel taglio a zuccheri e lieviti (meno pizza e pane bianco, meno birra e alcolici, meno dolci e torte, meno gelati ecc.), e assumi più fibre che aiutano a mantenere in salute l’intestino
  • Evita le creme spermicide come contraccettivo, perché possono alterare il pH vaginale
  • Non effettuare igiene intima aggressiva o troppo frequente, e usa solo detergenti specifici
  • Indossa biancheria di cotone ed evita il sintetico e gli indumenti troppo stretti che possono creare una condizione favorevole alla proliferazione dei miceti
  • Se soffri di stipsi cerca di risolvere il problema perché disturbi intestinali e micosi da Candida vanno a braccetto
  • Evita le cure antibiotiche fai da te o inutili

 

IL CONSIGLIO DELLA GINECOLOGA

La Ginecologa

LA VULVOVAGINITE DA CANDIDA HA SICURAMENTE UN ALTO RISCHIO DI RECIDIVA PERCHÉ I TRATTAMENTI ANTIMICOTICI NON RIESCONO MAI A DEBELLARLA COMPLETAMENTE. E’ PERCIÒ IMPORTANTE ALZARE LE DIFESE PRESERVANDO IL PIÙ POSSIBILE L’EQUILIBRIO DEL TUO ECOSISTEMA VAGINALE. TRA LE ARMI CHE HAI A DISPOSIZIONE C’È IL PRESERVATIVO: LA CANDIDA SI TRASMETTE ANCHE PER VIA SESSUALE E QUINDI DEVI STARE ATTENTA A NON CONTAGIARE IL PARTNER, ALTRIMENTI TI CONTAGERÀ A SUA VOLTA DOPO ESSERTI CURATA, E SI CREERÀ UN CIRCOLO VIZIOSO DIFFICILE DA SPEZZARE. USA DUNQUE IL PRESERVATIVO O ASPETTA DI ESSERE GUARITA!

Le 6 lady

Conflitti casalinghi… E la pressione sale!

Set 27, 2016 / Silver

La mia salute sta risentendo delle incomprensioni con mia figlia. Del resto, come si fa a non stressarsi con un'infelice in casa? Ma da domani si cambia!

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Per ossa in salute bevi più acqua e meno bibite gassate

In Italia milioni di donne over 40 soffrono di osteoporosi o di fragilità ossea. E l’alimentazione scorretta è uno dei principali fattori di rischio per questa grave malattia che, purtroppo, si manifesta solo quando ormai la perdita di massa ossea è significativa. Tra le abitudini alimentari dannose c’è anche l’abuso di bevande gassate. Le bibite zuccherate in lattina o in bottiglia contengono acido fosforico, un vero e proprio “rapinatore” di calcio dalle ossa. Altri nemici dello scheletro sono l’alcol e il caffè. I consigli sono di bere acqua, limitare il più possibile le bibite, evitare i superalcolici e concedersi al massimo 1-2 bicchieri al giorno di vino o birra e 3 tazzine al giorno di caffè.

Cistiset Advance