Benessere delle vie urinarie: i 7 rimedi casalinghi

Se le infezioni delle vie urinarie non hanno una causa batterica tale per cui è bene ricorrere agli antibiotici, possiamo rinforzare le difese con rimedi tutti naturali e fatti in casa.

Il nostro apparato urinario è tanto delicato e complesso quanto incredibilmente resistente. Vescica e uretra, ureteri e reni costituiscono rispettivamente le basse e le alte vie urinarie, attraverso le quali vengono eliminate le sostanze di scarto del corpo. In particolare, le basse vie urinarie convivono pacificamente con la microflora intestinale e vaginale perché la porzione finale dell’uretra, quel sottile tubicino con cui eliminiamo l’urina prodotta dai reni e raccolta dalla vescica, ospita una minuscola colonia di questi batteri che non hanno il tempo e la possibilità di fare danni dal momento che vengono regolarmente eliminati ogni volta che facciamo pipì. 

 

 

Infezioni delle vie urinarie, un equilibrio precario

Quindi, tutto a posto? Magari! Alcune persone, soprattutto le donne, soffrono di infezioni frequenti delle vie urinarie, come cistite e uretrite ricorrenti, e sanno che questo equilibrio può essere perso. Le cause possono essere diverse come una cura antibiotica, l’arrivo del freddo o un periodo di forte stress dove anche gli ormoni fanno le bizze. Sono tutte situazioni che indeboliscono le difese immunitarie e che aumentano la presenza di batteri aggressivi nelle vie urinarie. Questi batteri si trovano, quindi, liberi di risalire dall’uretra alla vescica, dove si attaccano alla mucosa interna e si moltiplicano dando vita all’infezione. Anche soffrire di calcoli renali è una condizione che predispone alle infezioni ricorrenti delle vie urinarie, perché questi sassolini sfregano sulla mucosa che le riveste e le irritano. I sintomi della cistite sono inconfondibili, e chi ne soffre spesso li vive con apprensione e imbarazzo: dolore e bruciore quando si fa pipì, stimolo continuo ad andare in bagno (pollachiuria), pipì torbida e maleodorante talvolta con tracce di sangue, senso di pesantezza al basso ventre. 

 

Sosteniamo le difese dell’organismo per proteggere le vie urinarie!

Le cure d’elezione per la cistite e altre infezioni delle vie urinarie sono farmacologiche se sono di origine batterica e si ricorre agli antibiotici, che però possono distruggere anche i batteri buoni e aumentare il rischio di ricomparsa delle infezioni. Per questo motivo, una volta guariti o in caso di infezioni delle vie urinarie non batteriche, è piuttosto utile lavorare sul ripristino del naturale equilibrio della flora batterica e soprattutto potenziare il sistema immunitario in modo da rendere le vie urinarie meno vulnerabili alle infezioni. Come fare? Ci sono molti strumenti non farmacologici a nostra disposizione, rimedi sani e naturali utilissimi per prevenire cistiti e uretriti ricorrenti, per ridurre il rischio di calcolosi renale e per proteggere le vie urinarie e renderle più resistenti.

Ecco 7 rimedi naturali contro le infezioni delle vie urinarie che si possono seguire tutti i giorni da casa:

  1. Regolarizzati con le fibre! Aumentiamo l’assunzione di queste sostanze attraverso la dieta, arricchendola di alimenti che le contengono in grandi quantità come frutta, verdura, cereali integrali, legumi e frutta secca. Le fibre servono a combattere la stitichezza, che a sua volta predispone alla cistite.
  2. Assumi vitamina C a profusione. Garantire al corpo l’apporto corretto di questo elemento potenzia il sistema immunitario e migliora la circolazione sanguigna generale e delle vie urinarie. La vitamina C si trova negli agrumi, kiwi, fragole, cavoli, peperoni crudi, e nei frutti di bosco.
  3. Ricorri a tisane lenitive alla malva, alla betulla e alla pilosella. Queste piante hanno proprietà diuretiche e antibiotiche. Per giovare delle loro azioni benefiche sulle vie urinarie, preparare un infuso con un cucchiaio di erbe in una tazza di acqua bollente e lasciarlo riposare per 10 minuti prima di filtrare il liquido. Da assumere a digiuno, una tazza a metà mattina e una a metà pomeriggio.
  4. A proposito di betulle…conosci il D(estro)-mannosio? È uno zucchero semplice ricavato dalle cortecce di larici e betulle, che non perette ai batteri di aderire alla mucosa che riveste la vescica e, di conseguenza, impedisce la loro crescita e la comparsa dell’infiammazione.  Il D-mannosio non ha controindicazioni ed è utilissimo anche per la prevenzione e la cura delle infezioni vaginali.
  5. Assumi probiotici con lo yogurt. I probiotici sono microrganismi che aiutano a mantenere o a ritrovare l’equilibrio della flora batterica intestinale, combattendo la stitichezza che è tra le cause della cistite e di altre infezioni delle vie urinarie.
  6. Bevi acqua come se piovesse. Una buona idratazione aumenta il volume dell’urina, facendo fare più spesso la pipì. In questo modo, si combattere il ristagno di urina in vescica e viene abbassato il suo pH, contrastando la crescita dei batteri responsabili dell’infezione delle vie urinarie. Si consiglia di bere almeno 8 bicchieri al giorno, soprattutto nella prima parte della giornata e meglio ancora se a stomaco vuoto.
  7. Muoviti! Fare sport migliora la regolarità intestinale e rinforza la muscolatura del basso ventre, oltre a riattivare la circolazione per favorire l’eliminazione di scorie e liquidi stagnanti nel modo più naturale possibile!
  • Iscriviti al programma!

 

Lo sapevi che…?

Dolore diffuso e stanchezza cronica? Non sei ipocondriaca…

I dolori alle articolazioni, la debolezza e il mal di testa, associati a rigidità, astenia e disturbi dell'umore e del sonno, non sono necessariamente disturbi ipocondriaci, come si pensava fino a una quindicina d’anni fa, ma possono essere i segnali della fibromialgia. Questa malattia reumatica femminile dalle cause incerte che colpisce i muscoli, mettendoli costantemente in tensione e provocando dolore, è un fenomeno in crescita e numericamente non più trascurabile. E non riguarda più solo le donne mature, anzi, colpisce anche nella fascia tra i 25 e i 35 anni. Se hai dei dubbi sulle tue condizioni di salute e vuoi rompere la tua spirale di dolore, non rassegnarti ma parlane al tuo medico: è importante!

Cistiset Advance