• 09 Giugno 2016

Assorbente interno? No problem!

Di solito eviti di usare i tamponi interni perché sei vulnerabile alle infezioni intime? Quello che devi sapere è che, se lo usi correttamente, non hai di che temere.

 

BlueL’arrivo delle mestruazioni per una donna come Simona che ha una pelle particolarmente delicata e sensibile, può rappresentare un problema. In effetti, per quanto cerchi di dotarsi di strumenti igienici quanto più ipoallergenici e confortevoli possibile, alla fine della settimana segnata in rosso sul calendario si trova sempre con qualche piccolo fastidio in più. Pelle irritata, prurito, sensazione di secchezza. Nulla di grave, il più delle volte il tutto si risolve nel giro di pochi giorni e l’equilibrio delle sue mucose intime torna perfetto, ma questo non toglie che vorrebbe potersi sentire “a posto” anche durante le mestruazioni, inclusi i giorni di maggior flusso.

 

La situazione di Simona è molto comune. E il disagio e la probabilità di contrarre infezioni intime o di sviluppare dermatiti e irritazioni si accentua in estate, quando il caldo aumenta la sudorazione delle parti intime, la proliferazione batterica accelera i tempi e soprattutto la pelle diventa intollerante all’assorbente. Capita anche a te? Ed è soprattutto in questi frangenti che rivaluti l’opzione assorbente interno?

 

Già, l’assorbente interno. Di solito cerchi di evitarlo perché temi, a causa della tua particolare vulnerabilità alle infezioni vaginali e alle vie urinarie, di aprirti maggiormente la strada all’azione patogena dei germi. Beh, quello che devi sapere è che, se lo usi correttamente, non hai di che temere. Il giusto compromesso tra comfort e igiene, tra praticità e sicurezza esiste. Con il giusto tampone interno puoi concedere qualche ora di “respiro” alla tua pelle, libera dal contato continuo e diretto con l’assorbente, e al tempo stesso non alterare il già fragile equilibrio delle tue zone intime.

 

La soluzione è quella di affidarsi con tranquillità ad un tampone interno in puro cotone, facile da inserire, del tutto ipoallergenico, refrattario alla proliferazione batterica. Puoi sceglierlo nei vari modelli a seconda dell’intensità del flusso.

 

Segnati queste regole d’oro a proposito di tamponi interni, vedrai che non te ne pentirai:

 

  • Se puoi, cerca di inserirli dopo aver effettuato l’igiene intima, e scegli per questa operazione di pulizia un detergente delicato e ipoallergenico, privo di profumi e possibilmente non schiumogeno, in modo da ridurre al minimo l’impatto “prosciugante” sulle mucose. Considera infatti che il contatto con l’acqua tiepida rallenta l’intensità del flusso e pertanto sarà più semplice indossare il tampone
  • Non usarlo MAI durante la notte!
  • Evita di tenerlo indosso a lungo, anzi, cambialo ogni due ore: il tampone si impregna di sangue mestruale gonfiandosi come un palloncino ma, se lo si mantiene molto a lungo in vagina, questo sangue ha più probabilità di diventare un focolaio batterico. Forse non lo sai, ma una delle cause di infezioni intime, spesso silenti e pertanto ancora più pericolose, è proprio un uso scorretto dell’assorbente interno
  • Se non ti è possibile effettuare l’igiene intima prima dell’uso del tampone, cerca almeno di lavarti le mani con il sapone o con un disinfettante antibatterico prima e dopo l’operazione di inserimento. E’ importantissimo!
  • Ricorda di conservare le confezioni di tamponi in ambienti asciutti e riparati, e di controllare il loro stato prima di usarli. Tamponi “vecchi”, pieni di polvere o umidi vanno gettati via
  • Scegli assorbenti in puro cotone, che sono anallergici e soprattutto ti garantiscono uno standard elevato di igiene e comfort
  • Puoi indossare gli assorbenti interni per fare sport, in estate per ridurre al minimo gli effetti del surriscaldamento e la sudorazione intima e al mare per fare tranquillamente il bagno; insomma, puoi usarlo quando vuoi e sentirti come se non avessi più le mestruazioni… Ricordandoti che, però, le hai! Quindi guai a dimenticarlo dentro!
  • Se sei vergine o nei giorni di poco flusso opta per i tamponi mini e lasciali indosso per poche ore
  • NON puoi avere un rapporto sessuale completo con il tampone indosso!
  • Preferisci gli assorbenti esterni nei giorni più intensi del flusso

 

In conclusione, usa gli assorbenti interni senza problemi, perché non sono affatto incompatibili con la tua particolare sensibilità intima, ma la tua “stella polare” sia sempre e comunque la prudenza!

 

IL CONSIGLIO DELLA GINECOLOGA

La Ginecologa

ATTENZIONE AI SEGUENTI SINTOMI SE SI HA INDOSSO IL TAMPONE INTERNO: FEBBRE ALTA E IMPROVVISA, VOMITO, DIARREA, COMPARSA DI ERITEMA, PERITA DI CONOSCENZA. SONO I SEGNALI DI UNA GRAVISSIMA INFEZIONE BATTERICA, CAUSATA DALLA CONTAMINAZIONE DELLO STAFILOCOCCO AUREO (UN BATTERIO CHE SI TROVA COMUNEMENTE ANCHE NELLE MUCOSE VAGINALI) CHE VIENE CHIAMATA SINDROME DA SHOCK TOSSICO (SST) E CHE, SE NON INDIVIDUATA E CURATA SUBITO, PUÒ AVERE ESITI FATALI. E’ ASSOCIATA ALL’USO DEGLI ASSORBENTI INTERNI MA, PER FORTUNA, SI TRATTA DI UN’EVENTUALITÀ RARISSIMA.

 

Con la collaborazione di Lady Presteril, la gamma completa di assorbenti 100% cotone dentro e fuori.

 Assorbenti Lady Presteril

Sensibilmente... Lady Presteril!

 

Tutti i vantaggi del cotone:

  • Massima traspirabilità e assorbenza
  • No cattivi odori
  • Previene l’aumento di temperatura e umidità
  • Ipoallergenicità
  • Rispetta il pH fisiologico della pelle
  • Previene la formazione dei batteri
  • Riduce i rischi di irritazioni e prurito intimo
  • Morbidezza e comfort

 

Gli assorbenti Lady Presteril sono gli unici con il nuovo ed esclusivo filtrante hi-dry catturaflusso in 100% cotone per un asciutto mai provato prima.

Il cotone utilizzato da Lady Presteril non viene sbiancato con il cloro.

Le 6 lady

8 segreti per ritrovare l’intesa con il partner

Mag 23, 2016 / Violet

I consigli per riaccendere la fiamma del desiderio dopo tanti anni insieme, riscoprire la passione e ottenere una vita sessuale soddisfacente come una volta.

Leggi tutto
  • Iscriviti al programma!

Entra nella community!

Instagram

 

Lo sapevi che…?

Ci sono 5 motivi per mangiare le pesche
Sono dietetiche e detox: contengono circa 30 calorie per 100 grammi e grazie ai sali minerali aiutano a depurare l'organismo;
Regolarizzano l'intestino: ricche di fibre, consentono di combattere il gonfiore. Un consiglio? Consumale con la buccia ben lavata;
Contrastano la ritenzione idrica: con il loro potassio, aiutano anche il drenaggio dei liquidi;
Sono un integratore naturale per lo sport: dopo l'attività fisica, ti permettono di reintegrare i sali minerali persi con il sudore;
Regolarizzano la pressione arteriosa: grazie a tante preziose sostanze, sono il frutto ideale sia se soffri di ipotensione sia che tu abbia la pressione un po’ alta.

Cistiset Advance